rotate-mobile
Cronaca

Artisti, imprenditori e uomini di cultura: ecco chi sostiene "Agrigento 2020"

Da Camilleri a Michele Guardì, ma anche studiosi e intellettuali, tutti a spalleggiare un progetto ambizioso

Sono diversi gli artisti, imprenditori e studiosi che hanno deciso di sostenere la candidatura a "Capitale Italiana della Cultura 2020". Tra questi: Michele Guardì, Lello Analfino, Giuseppe Vita e altri ancora.

Non solo italiani, ma c'è anche chi visitando la città dei Templi, ha scelto di sposare e sostenere il progetto. Ad esempio, ha detto sì, lo scrittore e traduttore Laszlo Alexandru, dalla Romania, ha fatto pervenire al sindaco Lillo Firetto il proprio sostegno alla candidatura di Agrigento a "Capitale Italiana della Cultura 2020".

Pronto a sostenere, seppur da lontano, anche il direttore d'orchestra agrigentino, Simone Tartaglione. "Più passano gli anni e più è sorprendente quanto l'apporto di questa città è ancora determinante nelle mie scelte". Non è mancato l'apporto del regista agrigentino, Michele Guardì. L'artista non ha voluto far mancare il suo sostegno all'importante progetto che si colloca nel contesto delle più ampie celebrazioni per i 2600 anni di storia della città. Il regista ha scritto: "Come agrigentino non posso non sostenere il progetto dell'Amministrazione e del sindaco Lillo Firetto finalizzato a candidare Agrigento e il suo territorio a "Capitale Italiana della Cultura 2020". 

Un altro sostegno alla candidatura giunge da Giuseppe Vita, presidente dell'UniCredit. Ecco il testo integrale firmato dall'ingegnere Vita che è di origini agrigentine. "Sono lieto e orgoglioso - scrive Vita al sindaco Calogero Firetto - che Agrigento si accinga a celebrare nel 2020 i suoi 2600 anni di storia. 

La musica a sostegno del progetto, ha detto "sì", anche l'artista "figlio" dell'agrigentino Lello Analfino. Il cantante dei Tinturia nel suo endorsement scrive: "Sono italiano, di più, siciliano, ancora di più, agrigentino". 

Non è mancato il sostegno del "colosso" Andrea Camilleri, lo scrittore ha detto subito si, sposando fin da progetto. Non ha fatto mancare il proprio sostegno lo stilista agrigentino Samuele Mazza. Il suo estro e la sua genialità è particolarmente apprezzata nel panorama della moda nazionale. "Un territorio dall'aria pura, filtrata dai boschi di Eucalipitus che si estendono in tutta la campagna Agrigentina".

Anche il Fondo ambiente italiano sostiene la candidatura di Agrigento a capitale italiana della cultura nel 2020. Lo ha ufficializzato il presidente nazionale Andrea Carandini in una nota. Anche l'imprenditoria sostiene "Agrigento 2020". Il presidente della Rocco Forte Hotels, sir Rocco Forte, figlio del defunto magnate della catena alberghiera omonima, Charles Forte, è intervenuto a sostegno del progetto "Agrigento 2020".

Pronto a dare il suo apporto anche Pierluigi Celli, direttore generale della Rai e dell'Università Luiss. "Conosco da sempre la città di Agrigento - ha dichiarato -  e la sua millenaria Valle dei templi e mi sento di affermare che questo luogo, ricco di storia e di antiche civiltà, considerato patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, merita il titolo di 'Capitale Italiana della Cultura 2020'".

Arte e cultura, a sostegno della città. A dare l'ok è la scrittrice Simonetta Agnello Hornby, signora della narrativa italiana che ha ambientato parte dei suoi romanzi di successo nella sua terra d'origine, l'Agrigentino, ha voluto inviare al sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, un suo endorsement a sostegno della candidatura.

Il sostegno ad Agrigento capitale della cultura 2020,  arrivato anche da parte dell'intellettuale Maurizio Iacono. Il filosofo di origini agrigentine, ordinario di storia della filosofia e già preside di Lettere e Filosofia presso l'Università degli Studi di Pisa, ha dato il suo sostegno all'iniziativa.

Endorsement anche da Katia Ricciarelli. Il celebre soprano è rimasta colpita dal fascino della città dei templi e ha voluto far giungere al sindaco Lillo Firetto, il proprio sostegno alla candidatura di Agrigento a "Capitale Italiana della Cultura 2020". 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Artisti, imprenditori e uomini di cultura: ecco chi sostiene "Agrigento 2020"

AgrigentoNotizie è in caricamento