Non hanno pagato la tassa di stazionamento, ingiunzioni ai bus turistici

Le ditte, proprietarie dei mezzi, dovranno adesso pagare circa 250 euro

Quattro ingiunzioni di pagamento sono state firmate - dal dirigente del secondo settore di palazzo dei Giganti, Cosimo Antonica, - a carico di altrettante imprese, proprietarie di autobus turistici, che non hanno pagato la tassa di stazionamento. I bus – così come tanti altri - erano stati pizzicati, dalla polizia municipale, fra via Panoramica dei Templi, via Passeggiata archeologica e via Caduti di Marzabotto.

Ad accertare, allora, il mancato pagamento della tassa di stazionamento fu proprio la polizia municipale. Vennero elevate – come da routine ormai – le sanzioni: 100 euro ad autobus. Multe che avrebbero dovuto essere pagate o, entro 30 giorni, contestate con scritti difensivi o con la richiesta di essere ascoltati. Passaggi procedurali che sarebbero stati ignorati. Ecco, dunque, che si è arrivati alle ingiunzioni di pagamento. Adesso le ditte, proprietarie dei bus turistici, dovranno pagare la sanzione amministrativa di 100 euro, oltre la somma di 90 euro quale tassa di stazionamento, una sanzione da 45 euro pari al 50 per cento della tassa evasa e 13,60 euro per le spese di notifica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento