menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ex caserma dei vigili del fuoco

L'ex caserma dei vigili del fuoco

Approvato il piano delle alienazioni del Comune: milioni di euro di "carta"

Da anni l'ente ripropone di fatto sempre lo stesso provvedimento, mettendo in vendita edifici e aree che però sembrano destinati a restare sul "groppone" di palazzo dei Giganti

L'elenco è, per stessa ammissione di chi lo ha redatto, una "riproposizione" sempre uguale di atti che sono speranze, più che di fatti concreti. Stiamo parlando del Piano delle alienazioni e delle valorizzazioni immobiliari del Comune di Agrigento, esitato giusto oggi dalla giunta municipale Micciché: primo atto verso l'adozione del bilancio previsionale 2020/2022. 

Decine di pagine che contengono, gira gira, beni e patrimoni che il Municipio dice da anni di voler vendere ma che alla fine non riesce mai a piazzare. E non parliamo sicuramente dei 6 grandi immobili dal valore complessivo di 6 milioni di euro (tra questi l'ex collegio del Boccone del Povero o l'ex caserma dei Vigili del fuoco), ma per esempio dei 48 immobili diruti (al punto che in alcuni casi si vende unicamente la loro area di sedime) che si trovano in centro storico e che si cerca, da anni, di avviare alla valorizzazione.

Bandi che si concludono bene o male sempre nello stesso modo: con nessun partecipante (quando vengono realizzati). A questi si aggiungono altri beni che l'Ente da alcuni anni spera di mettere a frutto, cioè le cosiddette aree Peep, quelle su cui si è costruito con l'edilizia cooperativa: tra queste spicca certamente quella dove insiste la "Casa del Vigile" di via Manzoni, che ha da sola un valore di otlre un milione e settecentomila euro. 

A questo patrimonio immenso - ma poco "liquido" si aggiungono oltre 5 milioni e ottocentomila euro di alloggi popolari e magazzini di proprietà dello Stato che, dice il progetto, "di un piano di programma di gestione e valorizzazione da definire d’intesa con lo Iacp con eventuale accordo convenzionale, per l’ottimale di manutenzione e gestione degli
alloggi tramite utilizzo dei proventi delle vendite e delle locazioni secondo la normativa vigente".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento