Il "maniaco" del chiodo è tornato: danneggiate due auto

I nuovi episodi, denunciati alla polizia, si sono registrati in via Imera e sul lungomare Falcone-Borsellino di San Leone

(foto archivio)

Il “maniaco” del chiodo è tornato in azione. Dopo qualche settimana di assoluto “silenzio”, gli agrigentini – proprietari di auto pesantemente danneggiate – sono tornati a formalizzare denuncia, a carico di ignoti, alla polizia di Stato. Un’autovettura è stata rigata in via Imera e un’altra, di proprietà di un canicattinese, è stata invece presa a “bersaglio” sul lungomare Falcone-Borsellino.

I poliziotti della sezione Volanti della Questura hanno già avviato gli accertamenti per provare a dare un nome e cognome – ammesso che si tratti sempre della stessa persona – che, già nelle settimane passate, in occasioni diverse, aveva determinato danni alla carrozzeria di una decina di macchina. Appare certo, però, in queste due ultime denunce acquisite dai poliziotti, che fra le due nuove vittime non vi sia – né è ipotizzabile - alcun collegamento. In via Imera è stato danneggiato, con un chiodo, il cofano anteriore e posteriore di una Fiat Bravo di proprietà di un quarantenne.

Sul lungomare Falcone-Borsellino di San Leone, nei giorni scorsi, è stata invece rigata, e in più punti della carrozzeria, l’autovettura di un canicattinese di 52 anni. In entrambi i casi, il modus operandi è apparso praticamente identico. Lo stesso fra l’altro dei danneggiamenti delle passate settimane per i quali s’era parlato di un “maniaco” del chiodo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, nel "valzer" di guarigioni e nuovi contagi c'è una nuova vittima: è un grottese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento