C'è davvero un "maniaco del chiodo"? Rigate le carrozzerie di altre due auto

I danneggiamenti sono avvenuti in due punti diversi della città: in via Imera e nel quartiere di Villaseta

(foto archivio)

Una Renault Clio danneggiata, verosimilmente con un chiodo, a Villaseta e una Peugeot 208 rigata su buona parte della carrozzeria in via Imera. A raccogliere le due diverse denunce contro ignoti, formalizzate da una quarantenne e da una cinquantenne insegnante, sono stati i poliziotti della sezione Volanti della Questura. Nessun collegamento fra le due donne, ma le autovetture, grosso modo, hanno subito lo stesso identico trattamento. E non è la prima volta che, ad Agrigento, si registrano episodi del genere, tanto che già all’inizio del mese s’era parlato di un “maniaco del chiodo”.

I poliziotti hanno avviato le indagini per provare a dare un’identità a chi ha messo a segno, in due punti diversi della città, i danneggiamenti. Appare scontato, anche se il riserbo è massimo, che possano essere state già passate in rassegna i filmati di eventuali telecamere di video sorveglianza. Già all’inizio del mese si erano verificati altri due episodi, sempre in punti differenti di Agrigento: uno in via Renato Candida, ai danni di una Audi A3 di proprietà di un agrigentino di 25 anni, e uno in via Zante ai danni di una Volkswagen Tiguan di proprietà di una quarantottenne agrigentina. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento