Cronaca

Covid e assembramenti, accordo in Prefettura: i sindaci potranno interdire strade o piazze

Le disposizioni sono state introdotte dal governo: prevista anche la possibilità di chiudere temporaneamente le aree aperte al pubblico in cui sia impossibile assicurare adeguatamente il rispetto della distanza interpersonale

Adesso basta. Stop agli assembramenti e qualora vi siano "criticità" i sindaci procedano a firmare le ordinanze per delimitare o interdire gli spazi urbani interessati da assembramenti. E' questo, grosso modo, quello che è stato deciso stamani durante un comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica convocato e presieduto dal prefetto Maria Rita Cocciufa. Un comitato necessario "per esaminare l’evoluzione del contesto normativo di riferimento connesso alla crisi pandemica, nonché - rendono noto dalla Prefettura - le problematiche di prevenzione e contrasto dei fenomeni di assembramento". 

All’incontro hanno preso parte il questore, il rappresentante del comando provinciale dell’Arma dei carabinieri, il comandante provinciale della Guardia di finanza e il comandante della polizia provinciale. In collegamento, da remoto, c'erano i sindaci dei Comuni più grossi dove appunto si registrano situazioni di criticità sotto il profilo dei contagi: Agrigento, Canicattì, Favara, Licata, Menfi, Palma di Montechiaro, Porto Empedocle, Raffadali, Ravanusa, Ribera, Santa Margherita Belice, Sciacca. Presenti anche i rappresentanti del Libero consorzio comunale e dell’azienda sanitaria provinciale.

Nel corso della riunione, il prefetto ha richiamato l’attenzione dei sindaci sulle ultime disposizioni introdotte dal Governo nazionale. Disposizioni che prevedono – tra le altre cose – la possibilità di ricorrere al potere di ordinanza per la chiusura temporanea di specifiche aree pubbliche o aperte al pubblico in cui sia impossibile assicurare adeguatamente il rispetto della distanza interpersonale e nelle quali si determinano fenomeni di concentrazione e aggregazione di persone che innalzano il rischio contagio.

Nuovo Dpcm e controlli su mascherine, spostamenti e rispetto degli orari: 11 sanzioni nel week end

I sindaci - è stato reso noto dalla Prefettura - hanno condiviso le criticità dei rispettivi ambiti territoriali. E alla fine dell'incontro s'è deciso per l’implementazione e la massima intensificazione dei servizi di controllo e vigilanza sul territorio, nell’ottica di un maggiore contrasto dei fenomeni di assembramento. Ma è stato concordato anche che i sindaci dei Comuni dove si registrano "criticità" potranno/dovranno adottare ordinanza per delimitare o interdire gli spazi urbani interessati da assembramenti e per garantire lo svolgimento in condizioni di sicurezza delle attività mercatali. 

 L’incontro ha costituito l’occasione anche "per porre in essere i presupposti per migliorare la comunicazione tra Asp e i Comuni", scrivono dalla Prefettura. 

Il prefetto Maria Rita Cocciufa, in questa fase particolarmente decisiva per il contenimento della pandemia, ha richiamato - ancora una volta - tutti alla massima cautela ed ha sottolienato il contributo che ogni singolo cittadino può fornire – mediante il rigoroso rispetto individuale delle misure anti contagio – al miglioramento generale del difficile contesto di crisi sanitaria. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid e assembramenti, accordo in Prefettura: i sindaci potranno interdire strade o piazze

AgrigentoNotizie è in caricamento