Abbattimento dei pini in via Esseneto, scoppia la polemica

Il movimento "Mani Libere" invia un esposto-denuncia alla Procura, Legambiente chiede invece chiarimenti sulla presenza delle autorizzazioni

Alcune delle piante già abbattute

Il taglio dei pini di via Esseneto diventa un "caso".

Il primo a lanciare l'allarme, corredandolo da un esposto alla Procura della Repubblica di Agrigento, è stato l'ex consigliere comunale Giuseppe Di Rosa, oggi coordinatore  del movimento "Mani Libere", il quale ha chiesto alla magistratura di verificare se le potature fossero state realizzate o meno nel rispetto delle normative vigenti, sostenendo che si stia intervenendo all'abbattimento "Senza nessuna autorizzazione preventiva". "Nessuno - dice in una nota - interviene a tutela del territorio visto che non interessa solo a noi? Non avete anche voi figli che devono continuare a vivere in questa città?".

Alberi rimossi, ma la strada resta ancora molto pericolosa

Simile per tematiche la presa di posizione di Legambiente Agrigento, che, riferendosi anche al taglio delle piante realizzato nei giorni scorsi a villa Bonfiglio, si dice da un lato consapevoli che l'abbattimento "è un’attività di ordinaria manutenzione del verde urbano, resasi probabilmente necessario in questo caso per ragioni di tutela dell’incolumità pubblica", ma precisa di avere perplessità  rispetto a "quello che da più parti ci viene segnalato, e cioè che per questi lavori non sarebbero stati richiesti i necessari pareri. Tra questi l’autorizzazione paesaggistica ai sensi del decreto legislativo 42/2004 (Codice dei Beni Culturali) alla Soprintendenza ai Beni culturali di Agrigento, necessaria poiché il livello di tutela 1 del paesaggio locale 28b del Piano Paesaggistico prevede 'il mantenimento e la tutela delle fasce alberate esistenti lungo le sedi viarie, anche secondarie'".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo la sigla ambientalista chiede di conoscere se sono stati richiesti ed ottenuti i pareri e se "è stata pianificata un’attività di sostituzione delle essenze con altre più adatte all’ambiente urbano e con la sistemazione dei marciapiedi e del manto stradale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento