Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca Villaggio Mosè

Ubriaco aggredisce la mamma e tenta di strangolarla: accorre la polizia

Gli agenti hanno inoltrato, per maltrattamenti in famiglia, un'informativa alla Procura: avviate le procedure da "codice rosso". La donna ha rifiutato di recarsi in ospedale

Ubriaco aggredisce la mamma e, mettendole le mani alla gola, tenta di strangolarla. Ad evitare il peggio, arrivando in maniera fulminea nell’abitazione del Villaggio Mosè, sono stati i poliziotti della sezione Volanti della Questura che hanno anche, subito, avviato le procedure di “codice rosso”.

Il trentenne agrigentino, negli ultimi tempi, stando a quanto è emerso, alzerebbe spesso il gomito. L’altro giorno, complice lo stato di ubriachezza, ha dato in escandescenze ed ha aggredito prima verbalmente e poi fisicamente la madre, una sessantenne. In casa, il marito della donna e padre del ragazzo non c’era. Di fatto, dunque, nessuno ha potuto mettersi in mezzo per cercare di calmare le ire del giovane che, ad un certo punto, ha anche afferrato la madre per il collo.

Qualcuno – non è stato reso noto se la stessa donna-vittima dell’aggressione o dei vicini di casa – ha composto il numero unico d’emergenza: il 112 e nella residenza del quartiere commerciale di Agrigento, in maniera fulminea, sono arrivate le pattuglie della sezione Volanti. La sessantenne agrigentina, seppur avesse riportato lividi da ematomi al collo, ha rifiutato d’essere accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” e non ha voluto neanche formalizzare nessuna denuncia a carico del figlio trentenne.

I poliziotti hanno comunque inviato un’informativa – per maltrattamenti in famiglia - al sostituto procuratore di turno e hanno avviato le procedure da “codice rosso”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ubriaco aggredisce la mamma e tenta di strangolarla: accorre la polizia

AgrigentoNotizie è in caricamento