menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

Vigilanza armata, servizio appaltato: la Valle continuerà ad essere protetta

Anche per il 2021 verrà garantita la sicurezza delle zone archeologiche e monumentali di pertinenza e competenza del Parco

Il servizio di vigilanza armata è stato appalto. Anche per quest’anno – emergenza Covid a prescindere – l’area archeologica di Agrigento verrà monitorata e protetta. Se ne occuperà – per 382.553 euro - la Rti Europolice-Siciliapolice.  

Quello della vigilanza armata è un servizio indispensabile e prezioso perché è fondamentale salvaguardare il patrimonio del Parco e della Valle dei Templi “garantendo un controllo di sicurezza nelle zone archeologiche e monumentali di pertinenza e competenza del Parco” – hanno già scritto dallo stesso ente - . 

Il servizio è previsto in tre specifiche aree. La prima è quella dell’accesso Giunone, locali di biglietteria e posteggi e riguarda l’area del tempio di Giunone, la via Sacra, Arcosoli bizantini, Casa Valenti, Casa Paci, tempio della Concordia e luoghi Adiacenti. La seconda area è quella del tempio dei Dioscuri, santuario delle divinità Ctonie, tempio di Zeus e luoghi adiacenti, nonché il laboratorio di restauro e l’accesso ad Ovest e dunque la zona monumentale dove sorge il tempio di Ercole, la via Sacra e villa Aurea. Infine la terza area che prevede un servizio di vigilanza dinamica alla casa Fiandaca, casa Sanfilippo, casa Sanfilippo 2 – ossia vicino al cimitero -, casa Morello e santuario rupestre; ma anche al quartiere Ellenistico-Romano, ex scuola rurale, ipogeo Giacatello, Ekklesia, casa Colonna, casa Barbadoro e tempio di Esculapio. Inoltre il servizio di vigilanza armata prevede anche i controlli, meticolosi, all’accesso di Giunone e all’accesso di Porta V dove esistono i metal detector.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento