Abusivismo edilizio: scoperti 4 nuovi casi, riemerge il "fenomeno" Villaseta?

Nel quartiere periferico sono state scovate due opere eseguite, senza autorizzazione, su suolo di proprietà dello Stato

Due opere eseguite – in maniera abusiva – su suolo di proprietà dello Stato e due interventi di ristrutturazione edilizia realizzati in assenza o in difformità rispetto alla concessione. Se ad agosto s’era tirato un sospiro di sollievo e s’era, di fatto, parlato di “tregua”, a settembre sono stati ben quattro – fra i quartieri satellite di Villaseta e Montaperto – i casi di abusivismo edilizio riscontrati dai responsabili dell’ufficio tecnico comunale. E sono, appunto, i casi che compongono il consueto elenco mensile che, per legge, viene inviato alla Procura della Repubblica.

Anche a settembre è emerso il “fenomeno” Villaseta: una realtà dove ci sono anche dei cittadini che costruiscono terrazze per la propria abitazione o piccole rimesse dove alloggiare gli animali domestici appropriandosi del suolo comunale o, ancora, posizionano vasche di raccolta per l’acqua potabile o realizzano piccoli casolari in legno a servizio delle proprie abitazioni. Un fenomeno non nuovo però perché già nel 2008, proprio in quell’anno vennero scoperti nel giro di poche ore di controllo una decina di casi, emergeva questa “abitudine”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Villaseta accade anche – era già successo, ad esempio, all’inizio dell’anno – che qualcuno recinti un'area di proprietà del Demanio dello Stato. Piccoli pezzi di terra mai mantenuti dalla “mano” pubblica che, nel corso degli anni, sono divenuti orti, pollai, garage improvvisati o magazzini. Una prassi consolidata che però – altrettanto sistematicamente – viene duramente sanzionata da attività di controllo e repressione condotta dalla polizia municipale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento