Ottomila euro di "spesa" in una gioielleria del centro, ma è una truffa: arrestato agrigentino

Le manette sono scattate per il 38enne, Antonino Mangione. Al momento del pagamento, l'uomo, ha consegnato al titolare un assegno bancario. A non cadere nella "trappola" sono stati i carabinieri di Favara

Con un assegno falso, ha messo a segno una truffa ad una gioielleria di Favara. Fulminee le indagini dei militari dell’Arma, in manette l’autore del raggiro.

Era entrato in una nota gioielleria del centro di Favara pensando di poter truffare il titolare, rifilandogli un assegno falso come pagamento di vari monili ed un orologio di pregio. Dopo aver visionato una notevole quantità di gioielli, l’uomo ha infatti acquistato monili in oro ed argento, per un valore complessivo di oltre 8mila euro.

Al momento del pagamento, ha consegnato al titolare un assegno bancario. Non sapeva però, che nel frattempo, la sua presenza all’interno della gioielleria era stata notata da una pattuglia dei carabinieri della Tenenza di Favara.

I militari, infatti, avendo riconosciuto l’uomo in questione, già noto per i suoi trascorsi, avevano deciso di appostarsi fuori e di attenderlo all’uscita dell’esercizio commerciale. E così, non appena il soggetto in questione è uscito dalla gioielleria, i militari dell’Arma lo hanno identificato e gli hanno chiesto di esibire i preziosi acquistati.

Nel frattempo, è stato subito contattato l’ignaro titolare della gioielleria, per verificare le modalità con cui era avvenuto il pagamento, il quale ha subito esibito un assegno bancario che aveva poco prima ricevuto dall’acquirente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le immediate verifiche svolte dai militari hanno consentito in breve tempo di accertare che l’assegno risultava falso. A quel punto, i carabinieri non hanno avuto alcun dubbio ed hanno stretto le manette ai polsi del 38 enne agrigentino Antonino Mangione con l’accusa di “truffa aggravata”. L’assegno in questione è stato sequestrato mentre tutta la refurtiva è stata subito restituita al titolare della gioielleria. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, l’uomo sono stati disposti gli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • L'ultimo bagno della stagione si trasforma in tragedia: annegato un turista 51enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento