menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento dell'aggressione

Un momento dell'aggressione

Picchiato a colpi di cric, 37enne finisce in ospedale: è "caccia" agli aggressori

Il fatto è avvenuto in corso Roma, le indagini sono in corso per risalire agli autori del brutale linciaggio che avrebbe potuto avere conseguenze più gravi

Una brutale aggressione - anche con l'uso di un cric per auto - si è consumata a Licata, in corso Roma. Ad essere pestato dal "branco", un 37enne che è finito al pronto soccorso dell'ospedale "San Giacomo d'Altopasso" con ferite abbastanza serie ritenute guaribili in 30 giorni.

La vittima è stata già sentita dai carabinieri della compagnia di Licata. A quanto pare, avrebbe però riferito di non aver visto chi lo ha picchiato selvaggiamente, né di sapere perché. Silenzio assoluto, insomma.  Questo, come evidente, aiuterà l’attività investigativa dei militari dell’Arma, dato che quell’aggressione sembra essere avvolta dal più fitto mistero.

Aggredito a colpi di cric, ecco le immagini del violento pestaggio

I carabinieri hanno però già acquisito più filmati degli impianti di videosorveglianza e li stanno passando in rassegna, perché non è affatto escluso che qualche telecamera sia riuscita a riprendere se non i momenti del pestaggio, quelli immediatamente successivi. Un video circolava già nell'immediatezza ed è stato realizzato da un balcone a decine di metri di distanza. Da queste immagini sembra che impegnati nel pestaggio siano almeno cinque giovani tra cui una ragazza.

Certo è, naturalmente, che l’eventuale contributo – per la ricostruzione del violento episodio – da parte della vittima avrebbe velocizzato ogni passaggio investigativo dei carabinieri. Ma i militari dell’Arma non demordono e sembrano essere intenzionati, anzi di più, a dare un nome e cognome a chi – in corso Roma – ha fatto quel pestaggio.

Il sindaco: "Preoccupati da quanto avvenuto"

Il primo cittadino, Pino Galanti, ha espresso con una nota apprensione per il pestaggio consumatosi ai danni di un 37enne.

“Faccio appello soprattutto – ha detto - alla componente sana e alla classe dirigente della Città a cui chiedo di provare a fare da volano per la diffusione della cultura della legalità. Io non arretrerò di un passo e sarò avamposto dello Stato, pronto a sostenere questa battaglia. Ricordo che poco più di un mese fa avevamo attenzionato la situazione dell’ordine pubblico a Licata, chiedendo misure straordinarie".

Per il sindaco, comunque, "per contrastare l’insorgenza di episodi come quello di venerdì sera, è necessario, insieme all’azione delle forze dell’ordine, una presa di coscienza della società cittadina, affinchè dimostri che qui i veri valori del vivere civile non sono in discussione. Occorre – conclude il sindaco – che, soprattutto in questo difficilissimo momento di crisi economica provocata dalla pandemia, la società civile e le istituzioni collaborino lottando con coraggio e senso della legalità per isolare i fenomeni di violenza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento