rotate-mobile
Cronaca San Leone

Aggredito e picchiato a sangue sulla spiaggia di San Leone, consigliere comunale finisce al pronto soccorso

I militari dell’Arma hanno già raccolto la denuncia, a carico di ignoti, e hanno subito avviato le indagini per provare a dare un nome e cognome ai due che hanno selvaggiamente picchiato, rompendogli la testa, il giovane consigliere comunale

Forse una parola di troppo, uno sfottò ritenuto immotivato. O forse, addirittura, uno sguardo di troppo. E’ scoppiata una zuffa – una vera e propria aggressione – sull’arenile della terza spiaggia di San Leone, nei pressi di un locale della movida agrigentina. E un trentenne, molto conosciuto, è finito al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento con la testa rotta. I medici del presidio ospedaliero di contrada Consolida, dopo aver sottoposto a tutti i controlli sanitari di rito il giovane agrigentino, gli hanno applicato diversi punti di sutura alla testa e hanno diagnosticato, al giovane, una prognosi di circa 15 giorni. Del “caso” si stanno già occupando i carabinieri della stazione di Agrigento. I militari dell’Arma hanno raccolto la denuncia, a carico di ignoti, e hanno subito avviato le indagini per provare a dare un nome e cognome ai due che hanno aggredito e selvaggiamente picchiato, rompendogli appunto la testa, al trentenne che è consigliere comunale in carica.

Non filtra nessuna indiscrezione al riguardo. I carabinieri della stazione e quelli della compagnia di Agrigento tengono la bocca rigorosamente cucita. L’obiettivo delle investigazioni è però, naturalmente, uno soltanto: riuscire ad identificare i due che hanno picchiato selvaggiamente il trentenne agrigentino, facendolo poi appunto finire all’ospedale di contrada Consolida.

L’aggressione – perché di questo si tratta – è avvenuta sull’arenile della terza spiaggia di San Leone nella notte fra domenica e lunedì. A quanto pare, i giovani erano in uno dei locali della movida agrigentina quando sì è innescata la diatriba. Un alterco – non è ben chiaro se dovuto ad una parola di troppo o addirittura ad uno sguardo di troppo – che doveva essere “chiarito” lungo l’arenile. Ma sulla spiaggia piuttosto che un chiarimento ci sarebbe stata una vera e propria aggressione. Vittima – poiché selvaggiamente picchiato da due persone, forse dei coetanei – del pestaggio è stato un agrigentino trentenne. Il giovane è rimasto seriamente ferito: un brutto trauma cranico, con una ferita lacero contusa alla testa ed è finito appunto al pronto soccorso. I medici, dopo gli accertamenti di rito, gli hanno applicato dei punti di sutura sulla testa e hanno diagnosticato una prognosi di circa 15 giorni, salvo complicazioni. A ruota, il ragazzo aggredito è stato dimesso ed ha lasciato il presidio ospedaliero di contrada Consolida. Si è presentato però, accompagnato dal padre, alla stazione dei carabinieri di Agrigento dove, per quanto gli è accaduto, ha formalizzato denuncia a carico di ignoti. I carabinieri hanno, naturalmente, subito avviato le indagini. La stazione dell’Arma della città dei Templi fa parte della compagnia che è coordinata dal maggiore  Marco La Rovere. L’attività investigativa, è stata inevitabilmente avvisata la Procura della Repubblica di Agrigento, è indirizzata a dare un nome e cognome ai due giovani – si ritiene che siano tali – che hanno pestato a sangue il ragazzo. 

La solidarietà del sindaco e l'attacco del Codacons

"Lancio un appello a chi ha visto o sia in grado di aiutare le forze dell’ordine per risalire ai vigliacchi aggressori. Io e la mia giunta gli esprimiamo solidarietà e vicinanza". Così il sindaco Franco Miccichè è intervenuto sull'episodio. 

Il vice presidente del Codacons, Giuseppe Di Rosa, invece attacca l'amministrazione comunale accusandola di avere sottovalutato il problema della sicurezza nei luoghi della movida. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredito e picchiato a sangue sulla spiaggia di San Leone, consigliere comunale finisce al pronto soccorso

AgrigentoNotizie è in caricamento