"Aggredì i poliziotti per fare fuggire sorvegliato speciale", revocati i domiciliari

Il tribunale del riesame sostituisce la misura cautelare con l'obbligo di firma per il trentunenne Salvatore Salamone

Arresti domiciliari sostituiti con l'obbligo di firma: il tribunale del riesame, al quale si è rivolto l'avvocato Monica Malogioglio, ha rimesso in libertà, applicando solo la residua misura, il trentunenne Salvatore Salamone, arrestato il 17 luglio con l'accusa di favoreggiamento, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

"Fanno fuggire il sorvegliato speciale", quattro arrestì e tre denunce

Salamone, in particolare, insieme ad altre tre persone, avrebbe aggredito i poliziotti per ostacolare l'arresto del ventunenne Salvatore Camilleri che aveva violato la sorveglianza speciale e si trovava, di sera, in un orario non consentito, all'interno di un appartamento nella zona di Bonamorone. 

Arresti convalidati, due indagati finiscono ai domiciliari

Il riesame, adesso, accogliendo in parte il ricorso del difensore, ha alleggerito la misura cautelare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento