Domenica, 14 Luglio 2024
La sentenza

"Impossibile provare che sia stata comunicata la scadenza": famiglia recupera buoni fruttiferi per 10mila euro

Erano stati acquistati nel 2008 e ne era stata chiesta la trasformazione nel 2021

Buoni fruttiferi andati in prescrizione dopo 18 mesi, importante risultato ottenuto da Adiconsum Agrigento per il tramite degli avvocati Roberta Russo e Pietro Lauricella.

I legali, in particolare, hanno ottenuto per conto di una famiglia il recupero di buoni per un valore di 10mila euro, sottoscritti nel 2008 e che si era provato a riscattare nel 2021. Questa richiesta, secondo poste italiane, non poteva essere soddisfatta, in quanto "tali buoni ormai erano prescritti, essendo dei buoni a termine di 18 mesi".

La prima difesa dei consumatori è stata che nessuna data di scadenza era stata indicata sui buoni, né alcun foglio informativo contenente indicazioni sulla durata, veniva fornito all'atto della sottoscrizione, ma poste non avrebbe accolto le richieste costringendo la famiglia a fare ricorso davanti il giudice di pace.

Questo, con sentenza decisoria 1163, a seguito di un procedimento ordinario documentale, ha riconosciuto che Poste, non indicando il buono alcuna scadenza, avrebbe dovuto consegnare ai risparmiatori un foglio illustrativo nel quale doveva essere indicata la fruttificazione e la scadenza del titolo. Non potendo Poste provare, in forma scritta, di aver consegnato la documentazione obbligatoria, è stata condannata  a rimborsare il valore nominale dei  buoni per avere privato i cittadini delle informazioni utili a poter identificare l’esatta scadenza dei loro diritti, subendo anche la condanna alle spese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Impossibile provare che sia stata comunicata la scadenza": famiglia recupera buoni fruttiferi per 10mila euro
AgrigentoNotizie è in caricamento