Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca Centro città / Piazza Vittorio Emanuele

"Palamandorlo", Firetto annuncia il via ad adeguamento e montaggio del "Palafood": «Senza aggravio e fruibili già nel weekend»

"Palamandorlo" agibile entro il fine settimana. E "accanto" sorgerà il "Palafood" che è previsto accolga le attività di promozione dell'agroalimentare e della mandorla. Almeno questo è quanto annunciato dall'Amministrazione: domani inizieranno gli interventi necessari

"Palamandorlo" agibile entro il fine settimana. E "accanto" sorgerà il "Palafood" che è previsto accolga le attività di promozione dell’agroalimentare e della mandorla. Almeno questo è quanto annunciato dall'Amministrazione: domani inizieranno gli interventi necessari per adeguare la tensostruttura montata in piazza Vittorio Emanuele alle prescrizioni della Commissione di vigilanza sui Pubblici spettacoli che, presieduta dallo stesso sindaco Lillo Firetto, aveva disposto ulteriori misure di sicurezza. Seppure già l'11 scorso, forse per un errore di comunicazione, erano stati già dati come avviati, mentre in realtà era iniziato il reperimento dei materiali piuttosto.

Ai circa 44mila euro più Iva (54.841,44 euro complessivi per la "realizzazione di un villaggio costituito da una serie di tensostrutture") previsti dal bando comunque, assicura Firetto, non si aggiungeranno ulteriori costi: la ditta si è fatta carico di adeguare il "Palamandorlo" alle prescrizioni senza oneri aggiuntivi per il Comune.

«Non mi sono concesso la deroga - ha detto in merito il primo cittadino, ironizzando sul fatto che presiede la Commissione che non ha omologato la struttura -. Ci è stato fatto notare che c'erano alcuni accorgimenti da rispettare e, come verbalizzato, ci adeguiamo».

Nei giorni scorsi a "sollevarsi" erano stati, tra gli altri, esponenti dell'opposizione, sindacati, associazioni di categoria (tra cui Confesercenti e Confcommercio). Probabilmente anche il fatto che non siano previsti aggravi di spesa non placherà del tutto gli animi.

Ma circa le polemiche suscitate dalla "durata" della "Sagra del mandorlo" e dalle "accuse" di mancata concertazione con "i portatori di interesse", Lillo Firetto ha puntualizzato: «Nel nostro programma elettorale avevamo espresso una convinzione: che la Sagra realizzata come sempre in un limitato periodo, la prima settimana di febbraio, in cui la meteorologia non ci assiste, non è funzionale a una corretta fruizione. E anche quest'anno ne abbiamo avuto prova: ecco perchè adesso e perchè si prolunga il periodo.

In quanto alle altre questioni sollevate, mi sento solo di dire che mai una Sagra è stato tanto condivisa: è la prima volta che si apre campagna d'ascolto che è durata 5 mesi, sono stati sentiti, tra gli altri, albergatori, Consorzio e Distretto turistico, gruppi folk locali, ristoratori, commercianti della via Atenea anche per la questione parcheggi che poi hanno condiviso l'idea di usare l'ex scalo commerciale delle Ferrovie. E' stata condivisa la data, tutto è stato condiviso. Ai sindacati dico che con loro mi voglio confrontare per il destino della città, mi pareva impropria la proposta di intervento in questo caso, per riguardo a loro soprattutto. Continuerò a sentirli sulle vicende significative che riguardano la città e so che saranno nelle condizioni di darmi consigli adeguati», ha concluso Firetto.

Poi rimane aperta la questione del "dirottamento" degli eventi che era previsto avrebbe ospitato il "Palamandorlo", tra cui la kermesse dedicata ai disc-jockey che è stata spostata in una struttura privata. C'è chi afferma che ne è uscita male l'immagine della città. Ma forse da contr'altare potrebbe fare un eventuale "risparmio": se la logica è quella di compartecipare alle spese degi eventi che animano il centro storico durante la Sagra, l'evento stesso non è catalogato nè catalogabile nel novero di quegli spettacoli e, quindi, non dovrebbe neanche percepire contributi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Palamandorlo", Firetto annuncia il via ad adeguamento e montaggio del "Palafood": «Senza aggravio e fruibili già nel weekend»

AgrigentoNotizie è in caricamento