menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei pozzetti sulla spiaggia (foto archivio)

Uno dei pozzetti sulla spiaggia (foto archivio)

"Hanno convogliato le acque piovane nella fognatura", scoperti altri 18 casi

Le immissione di acque meteoriche avrebbero provocato la fuoriuscita di liquami dai pozzetti di ispezione della rete fognante posizionati lungo la battigia

Scoperti altri 18 casi. Casi di agrigentini – residenti nelle vie Zebra, Degli Ulivi, Degli Etruschi, Corsica, Zerbino, Delle Madonie, Zurlì, Guido Guinizzelli, Monte Peloritani ed in via Cavaleri Magazzeni -  che avrebbero convogliato le acque piovane, provenienti dai pluviali, terrazze, piazzali, grondaie, nella fognatura destinata alle sole acque nere.

Casi di immissione di acque meteoriche che avrebbero provocato la fuoriuscita di liquami dai pozzetti di ispezione della rete fognante, posizionati lungo la battigia, nel tratto compreso tra la villa Sandro Pertini e la traversa Mare Nostrum a San Leone, ma anche dal pozzetto di piazzale Giglia. Casi per i quali il sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, ha già firmato altrettante ordinanze.

"Si provveda entro e non oltre 15 giorni a scollegare dal collettore delle acque nere tutte le acque provenienti - scrive il sindaco Firetto - da tetti, terrazze, spiazzali e caditoie, a salvaguardia dell'igiene, della salute pubblica e della pubblica incolumità". In caso di inottemperanza si dovrebbe provvedere all'esecuzione d'ufficio a spese del proprietario. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento