menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Quartieri senz'acqua da mesi, scatta la requisizione di aree private

Dopo una sentenza era diventato impossibile per la Girgenti Acque raggiungere il serbatoio "Monserrato"

Quartieri senz'acqua da mesi per l'impossibilità di raggiungere il serbatoio comunale: scatta l'esproprio temporaneo di terreni privati. Nella giornata di ieri, con propria ordinanza, il sindaco Ida Carmina ha firmato un insolito provvedimento con il quale si requisivano delle aree di sedime e le vie di accesso al serbatoio per la distribuzione idrica chiamato “Monserrato”, che serve una porzione significativa degli utenti Voltano.

Questo perché nel febbraio scorso dei cittadini, legittimamente, hanno vinto una causa proprio contro Voltano per procedure di acquisizione per la realizzazione del serbatoi e delle opere idriche collegate, ottenendo indietro la proprietà su quei terreni. Questo ha provocato, dice il Comune, “l’inibizione all’accesso al serbatoio” provocando altresì il “fermo della distribuzione idrica nelle zone di San Calogero Napolitano, contrada Caliato, Bellavista, salita Pero, Empedocle Uno e Sant’Onofrio, oltre a notevoli disservizi nella gestione dell’intera rete”. Disservizi dovuti al fatto che non essendo prevista la fornitura h24 ad ogni turno bisogna intervenire manualmente sui serbatoi per garantire acqua a circa 17mila persone.

Dopo mesi di confronti istituzionali e legali, la svolta nella vicenda è stata però una nota di inizio giugno dell’Asp, che contesta il rischio igienico-sanitario connesso alla mancata erogazione idrica. Così il sindaco, su proposta degli uffici, ha firmato un’ordinanza di requisizione a tempo: quattro mesi (con pagamento di 450 euro per il “disturbo) per consentire di rimettere in moto il sistema, con l’obiettivo, comunque, dell’acquisizione definitiva delle aree. Salvo ricorsi.
 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento