Cronaca

Servizio idrico, la strada dell'Aica resta in salita: i Comuni prendono tempo sul "maxi prestito” della Regione

Ieri riunione con sindaci e l’assessore regionale Marco Zambuto, tutto rinviato alla prossima settimana con lo spettro di un ennesimo rischio di stop

La battuta più frequente al momento, a guardare soprattutto le dichiarazioni che ad inizio agosto accompagnarono la nascita di Aica e il successivo accordo raggiunto con la Regione è: forse qualcuno ha venduto la pelle dell’orso ben prima di averlo anche solo semplicemente catturato.

La riunione svolta ieri tra i sindaci, i vertici dell’Aica e l’assessore regionale agli Enti Locali Marco Zambuto ha infatti chiarito che i comuni avranno un difficoltà oggettiva nel gestire le somme che la Regione “presterà” ai municipi e, soprattutto, a restituire questi importi a chi li ha anticipati per garantire la fase di start-up della consortile.

La legge, in particolare, sebbene pronta già da prima di ferragosto, al momento non è stata ancora firmata da Zambuto proprio per l’assenza al momento di un accordo con i sindaci soprattutto dei grandi centri, che proporzionalmente saranno quelli a dover anticipare e restituire la somma più alta. Questo anche perché, è chiaro, nel momento in cui il testo diventerà legge, gli obblighi per i Municipi diventeranno concreti e la Regione potrà attivarsi con commissari ad acta per riprendere il dovuto.

Al momento appare molto complesso non solo riuscire a svolgere tutte le procedure burocratiche necessarie (i comuni dovranno approvare delle variazioni di bilancio istituendo una specifica posta per contenere questi importi e questo richiede settimane) ma anche improbabile che Aica sia in grado di rimborsare agli enti questi importi nel breve periodo, non avendo al momento nemmeno iniziato a bollettare. Insomma, il tempo è poco e le possibilità che tutto vada male abbastanza alte. Nel frattempo, in diversi centri della provincia si registrano gravi carenze dovute spesso rotture che, teoricamente, dovrebbero essere i comuni a riparare in questa fase per conto di Aica, ma senza soldi, senza personale, senza bilanci, tutto appare abbastanza improbabile.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizio idrico, la strada dell'Aica resta in salita: i Comuni prendono tempo sul "maxi prestito” della Regione

AgrigentoNotizie è in caricamento