menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comitato per l'acqua pubblica incontra i vertici dell'Ati

Lo rende noto il coordinatore dell'Intercopa, Franco Zammuto che ha parlato con i sindaci Vincenzo Lotà e Fabrizio Di Paola, presidente e vicepresidente dell'Assemblea territoriale idrica

Il Comitato intercomunale per la gestione pubblica dell'acqua ha incontrato venerdì scorso i sindaci Vincenzo Lotà e Fabrizio Di Paola, presidente e vicepresidente dell'Ati. Nel corso dell'incontro, scrive in una nota il coordinatore dell'Intercopa, Franco Zammuto, "abbiamo chiesto di conoscere il percorso che intendono adottare una volta subentrati all'Ato Idrico, e principalmente, quali risposte daranno alle proteste e contestazioni dei cittadini che, da quando nel 2007 ha avuto inizio la gestione di Girgenti Acque, invece di riscontrare un miglioramento del servizio idrico e le funzioni ad essa connesse, hanno subito soltanto aumenti incomprensibilmente elevati e servizi scadentissimi".

"Il nostro comitato - prosegue Zammuto - ha anche evidenziato i molti interventi della magistratura inquirente che ad oggi ha sequestrato ben 12 depuratori, ravvisando gravi irregolarità sulla loro funzionalità ed efficacia, sul danno ambientale causato e sulla eventuale  frode  per il pagamento delle tariffe in bolletta da parte di chi non beneficia del servizio, oltre alle tante sentenze già emesse dai giudici ordinari e dai giudici di pace.

Il presidente Lotà, dopo avere precisato che l'Ati non è ancora nella pienezza dei propri poteri, che la legge regionale 19/2015 presenta ancora varie lacune che necessitano di chiarimenti, e che comunque si è in attesa del pronunciamento della Corte Costituzione a seguito dell'impugnativa del governo nazionale della legge regionale 19/2015, ha assicurato che - si legge nella nota di Intercopa - "le varie istanze e lamentele manifestate in questi anni dai cittadini, dalle associazioni, dai comitati e dalle parti sociali sono alla loro attenzione e che, in alcuni incontri già svolti dall'Assemblea, sono stati oggetto di analisi e valutazioni al fine di  verificare se esistono eventuali anomalie sui quali eventualmente si interverrà per quanto è nelle loro prerogative. 

Ad oggi, considerato che l'Ati non è ancora nel pieno delle proprie funzioni, il comitato Intercopa "non può che prendere atto degli impegni assunti dal sindaco Lotà, e peraltro ribaditi dal sindaco Di Paola che, nel confermare quanto sostenuto da Lotà  nel corso del suo intervento, ha anche lamentato il comportamento di indisponibilità di Girgenti Acque a fornire la propria collaborazione nel caso dell'alluvione occorsa nella città di Sciacca, adducendo che non hanno l’obbligo di riparare danni provocati da calamità; in ciò dimostrando che un privato non è idoneo a garantire servizi essenziali e irrinunciabili".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento