Domenica, 14 Luglio 2024
Opere pubbliche

Nuove reti idriche per sconfiggere la sete, presentati 4 progetti per oltre 160 milioni: ecco i dettagli

Ammessi nel piano nazionale di interventi infrastrutturali per la sicurezza nel settore idrico e redatti da Aica e comuni in gestione salvaguardata. Sono già pubblicati sul sito del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Se ne parla da anni e sono opere sontuose che, per quanto richiedano ingenti risorse in termini di denaro e di tempo, devono essere assolutamente realizzate per risolvere definitivamente il problema della mancanza d’acqua in provincia di Agrigento. Oggi l’assemblea territoriale idrica di Agrigento Ato 9 ha comunicato l’avvenuto inserimento di 4 proposte progettuali nel cosiddetto Pniissi, ovvero il Piano nazionale di interventi infrastrutturali.

Tali proposte sono state presentate dalla stessa assemblea territoriale idrica e redatte da gestore Aica e dai comuni in gestione salvaguardata per un importo complessivo di 162.755.672 euro. Tutto quanto è già pubblicate sul sito del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.  

Ecco, in dettaglio, gli interventi ammessi:

  1. Proposta di “riefficientamento delle condotte di adduzione e delle fonti di approvvigionamento dell’Ato Ag9 di Agrigento”, per un importo complessivo pari a 77.400.000 euro, che comprende 11 interventi da realizzare sulle fonti di approvvigionamento idrico per l’incremento delle risorse idriche assegnate all’Ambito territoriale ottimale con gestione affidata ad Aica e riduzione delle perdite nelle relative condotte di adduzione.
  2. Proposta sulle “opere di completamento, sostituzione ed automazione delle reti idriche dei comuni di Sciacca, Agrigento (secondo lotto) e Cattolica Eraclea” per un importo complessivo di 67.265.527 euro che comprende 5 interventi da realizzare nelle reti idriche di Sciacca, Agrigento e Cattolica Eraclea, gestite da Aica, al fine di ridurre le perdite idriche e ottimizzare la gestione del sistema di distribuzione;.
  3. Proposta relativa ai “lavori di manutenzione straordinaria delle reti di adduzione e di distribuzione con automazione reti e contatori di tutto il sistema idrico attuale del Comune di Santa Margherita di Belice”, per un importo complessivo di 14.912.897 euro, che comprende 2 interventi finalizzati alla riduzione delle perdite e all’ottimizzazione della rete idrica del Comune di Santa Margherita di Belice in gestione salvaguardata.
  4. Proposta relativa ai “lavori di rifacimento della rete idrica del centro urbano del Comune di Alessandria della Rocca”, per un importo complessivo di  3.177.247, finalizzati alla riduzione delle perdite e all’ottimizzazione della rete idrica del Comune di Alessandria della Rocca in gestione salvaguardata.

L’inserimento di questi interventi nel Pniissi - fanno sapere dall’assemblea territoriale idrica - rappresenta un passo fondamentale per il finanziamento di interventi finalizzati al potenziamento, all’adeguamento delle infrastrutture idriche e all’aumento dei quantitativi idrici nell’ambito territoriale ottimale di Agrigento. Risultato raggiunto grazie al lavoro svolto in sinergia dall’ufficio dell’Ati e dagli uffici del gestore unico Aica e dei Comuni di Alessandria della Rocca e di Santa Margherita di Belìce in gestione salvaguardata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove reti idriche per sconfiggere la sete, presentati 4 progetti per oltre 160 milioni: ecco i dettagli
AgrigentoNotizie è in caricamento