menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'arrestato, Giuseppe Taormina

L'arrestato, Giuseppe Taormina

Porto Empedocle, litiga con il vicino di casa e lo accoltella: arrestato macellaio

Giuseppe Taormina, macellaio empedoclino di 45 anni, è stato tratto in arresto dalla polizia con l'accusa di tentato omicidio aggravato da futili motivi e minaccia grave

Se la caverà con 7 giorni di prognosi, salvo complicazioni, l'uomo colpito ieri sera a Porto Empedocle da una coltellata sferrata da Giuseppe Taormina, macellaio empedoclino di 45 anni, tratto in arresto dalla polizia con l'accusa di tentato omicidio aggravato da futili motivi e minaccia grave. La vittima, un uomo residente a Termini Imerese ma domiciliato a Caltanissetta, è proprietario di un'immobile contiguo a quello del macellaio. E sarebbero stati proprio dei motivi legati alla proprietà a scatenare l'animata lite tra i due. 

La violenta aggressione è avvenuta proprio nella macelleria del Taormina, nella via Catania di Porto Empedocle, dove la vittima si sarebbe recata per parlare. Dopo un'animata discussione, però, il Taormina avrebbe estratto un coltello di 32 centimetri ed avrebbe colpito l'uomo al collo, all'altezza della giugulare.

La vittima è stata prima trasportata alla Guardia medica di Porto Empedocle, da dove è stato lanciato l'allarme al 113, e successivamente al pronto soccorso dell'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento. Gli agenti, intervenuti nell'esercizio commerciale del 45enne, hanno poi sequestrato il coltello ed arrestato l'uomo. Adesso Giuseppe Taormina, così come disposto dal pubblico ministero di turno, si trova agli arresti domiciliari.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento