rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Cronaca Palma di Montechiaro

Abusivismo edilizio, il Tar annulla sanzione paesaggistica di oltre 26mila euro

L'uomo, attraverso i suoi legali, presentò ricorso contestando l’illegittimità della sanzione pecuniaria non preceduta dal rilascio del nulla osta paesaggistico e l’illegittimità della procedura seguita dall’amministrazione

L'edificio costruito abusivamente potrà essere sanato senza dover pagare la sanzione paesaggistica: a deciderlo è stato il Tar Sicilia. Un uomo, S.D., 52 anni, difeso dagli avvocati Girolamo Rubino e Vincenzo Airò, a proposto ricorso contro la Soprintendenza di Agrigento, la quale non aveva rilasciato il dovuto nulla osta per ottenere la sanatoria dell'immobile e chiedeva, inoltre, il pagamento di una sanzione paesaggistica da oltre 26mila euro.

L'uomo, attraverso i suoi legali, presentò ricorso contestando l’illegittimità della sanzione pecuniaria non preceduta dal rilascio del nulla osta paesaggistico e l’illegittimità della procedura seguita dall’amministrazione. Il Tribunale amministrativo regionale, accogliendo le tesi difensive, ha prima sospeso in via cautelare la sanzione e l'ha poi ritenuta appunto illegittima. L'uomo potrà quindi ottenere la sanatoria del proprio immobile senza dover pagare la sanzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusivismo edilizio, il Tar annulla sanzione paesaggistica di oltre 26mila euro

AgrigentoNotizie è in caricamento