rotate-mobile
Cronaca

"Abusivismo edilizio", firmata una nuova ingiunzione di demolizione

Entro 90 giorni dovranno ottemperare. In caso contrario, gli verrà elevata una sanzione amministrativa che va dal minimo di 2 mila al massimo di 20 mila euro

Dovranno demolire. Entro 90 giorni dovranno cancellare l’abuso edile realizzato. In caso contrario, gli verrà elevata una sanzione amministrativa che va dal minimo di 2 mila al massimo di 20 mila euro. A firmare, ieri, l’ingiunzione di demolizione è stato Giuseppe Principato, dirigente del settore Territorio e Ambiente di palazzo dei Giganti.

Nel luglio del 2004, dopo un controllo della polizia municipale, in contrada Cannatello, venne trovato un prefabbricato di 45 metri quadrati ed accanto un altro prefabbricato da 50 metri. Il tutto – stando a quanto accertato dai funzionari del Comune – realizzato senza alcuna concessione edilizia. Già, allora, pochi mesi dopo venne firmata un’ingiunzione di demolizione.

Nel maggio del 2015, poi, la squadra Vigilanza edilizia della polizia municipale ha accertato l’inottemperanza all’ingiunzione emessa ben 11 anni prima. Ecco, dunque, che nelle scorse ore, il dirigente del quinto settore di palazzo dei Giganti ha firmato una nuova ingiunzione di demolizione e questa volta è stata prevista, qualora ancora non s’arrivasse alla demolizione, la sanzione amministrativa, da determinarsi – scrivono dal Municipio – successivamente.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Abusivismo edilizio", firmata una nuova ingiunzione di demolizione

AgrigentoNotizie è in caricamento