menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
FOTO ARCHIVIO

FOTO ARCHIVIO

Il Cga dà torto alla Sovrintendenza, "salvi" gli ultimi due piani di una palazzina di San Leone

L'ente, per ben diciotto anni, non ha neppure risposto alla richiesta dei privati che chiedevano la sanatoria

Il Consiglio di giustizia amministrativa dà torto alla Soprintendenza ai Beni culturali di Agrigento e salva gli ultimi due piani di un immobile dalla demolizione. I proprietari degli appartamenti del fabbricato, realizzato nel 1983 in assenza della concessione edilizia e ricadente in area sottoposta a vincolo, avevano inoltrato al Comune di Agrigento delle istanze di sanatoria, corredate dalla prova dell'avvenuto pagamento dell'intera oblazione nella misura prevista dalla legge.

A distanza di ben 18 anni, la Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali di Agrigento rilasciava il nulla osta per il rilascio del titolo edilizio in sanatoria, subordinando però lo stesso alla condizione che venissero demoliti gli ultimi due livelli del fabbricato in questione ritenuti un "ostacolo alla visuale prospettica" ed elementi di  "disturbo con l'ambiente tutelato".

Contro il provvedimento, i proprietari dell’immobile proponevano ricorso giurisdizionale, con il patrocinio dell’avvocato Girolamo Rubino, al fine di ottenerne l’annullamento nella parte in cui il rilascio del prescritto nulla osta in sanatoria per il fabbricato veniva condizionato all'abbattimento degli ultimi due piani del medesimo fabbricato.

"L’impugnativa - ricostrusce il legale - veniva affidata a plurime doglianze volte a censurare sia l’evidente difetto di istruttoria e di motivazione, avendo, la Soprintendenza, emesso il parere nulla osta sulla base di una motivazione generica e contraddittoria e di idoneo supporto tecnico-scientifico, sia la lesione del principio di affidamento incolpevole dei ricorrenti, avendo l’amministrazione adottato il provvedimento a distanza di ben 18 anni dall’avvenuto pagamento dell’oblazione, con conseguente convinzione in capo agli stessi che l’opera fosse sanata".

Rubino, inoltre, deduceva l’avvenuta "formazione del silenzio - assenso sulla richiesta di sanatoria avanzata alla Soprintendenza". L’ente si costituiva in giudizio chiedendo il rigetto del ricorso.

Il Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Siciliana, condividendo le difese, ha ritenuto applicabile al caso di specie il meccanismo del “silenzio assenso” e conseguentemente ha ritenuto che – decorso il  termine perentorio di novanta giorni fissato dalla legge – il parere/nulla osta dalla Soprintendenza di Agrigento dovesse ritenersi favorevolmente reso.

Conseguentemente, il Cga ha ritenuto illegittimo il provvedimento con il quale - a distanza di numerosi anni dalla formazione del silenzio assenso - la Soprintendenza ha subordinato il rilascio del proprio il parere/nulla osta alla previa demolizione degli ultimi due piani dell’immobile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Danneggia la rotonda del Quadrivio e fugge via: "beccato" dalle telecamere

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Coronavirus

Attualità

L'accademia delle Belle arti dona quindici quindici quadri al Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Un agrigentino a "Uomini e donne", Gero Natale debutta su Canale 5

  • Sport

    L'ex "portierone" Daniele Indelicato vola a Dubai: affiancherà Sosa

Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento