menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto archivio

Foto archivio

"Ha palpeggiato la figlia di 4 anni nelle parti intime", 45enne davanti ai giudici

L'inchiesta scaturisce dalle denunce della madre della ragazzina, l'imputato ha sempre negato le accuse

Prima le accuse dell’ex moglie e della suocera, poi l’incidente probatorio e la misura cautelare del gip che gli imponeva di non avvicinarsi alla bimba di cui avrebbe abusato. E' partito il processo, dopo il rinvio a giudizio deciso lo scorso 9 luglio, a carico di un quarantacinquenne di Villaseta al quale, nel gennaio dell'anno scorso, è stato notificato il provvedimento del gip che gli intimava di restare distante dalla bambina che - secondo l'accusa - avrebbe toccato nelle parti intime.

L'imputato, difeso dagli avvocati Santo Lucia e Miriam Lo Greco, ha sempre negato le accuse. Ieri mattina, davanti ai giudici della seconda sezione penale, presieduta da Wilma Angela Mazzara, è iniziato il processo con l'ammissione dei mezzi di prova da parte del pubblico ministero Paola Vetro e della stessa difesa. Il 27 gennaio saranno sentiti i primi testi della lista della Procura, ovvero la mamma e il nonno della presunta vittima. 

La vicenda, dall’enorme delicatezza, ha avuto una svolta quasi due anni fa, a distanza di alcune settimane dall’incidente probatorio nel quale la bambina ha, in sostanza, confermato le accuse. In seguito il pubblico ministero Emiliana Busto, titolare dell’inchiesta, ha chiesto al gip un provvedimento cautelare ritenendo che il quadro indiziario si fosse aggravato e che fosse necessario un provvedimento restrittivo.

L'accusa, per la quale sarà processato, è di violenza sessuale aggravata ai danni di minore. In particolare, secondo l’ipotesi accusatoria che adesso sarà sottoposta al vaglio del dibattimento, avrebbe toccato nelle parti intime la figlia di appena quattro anni. L’indagine è partita dalle denunce della madre della bambina, ex moglie dell’indagato.

La vicenda si sarebbe consumata a Villaseta, frazione dove abita l'uomo. Il quarantacinquenne e la moglie da tempo erano separati e la piccola veniva accudita a giorni alterni da entrambi i genitori. In una circostanza in cui la bambina si trovava col padre, avrebbe subito una violenza sessuale. In particolare, approfittando della circostanza che avrebbe dovuto farle il bagno, l’avrebbe toccata nelle parti intime e, pare, si sarebbe anche denudato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento