menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tassa di soggiorno per le strutture extra-alberghiere, il "si" dell'Abba

L'Abba, l'"Associazione Bed and Breakfast" di Agrigento, interviene in merito all'applicazione della "Tassa di soggiorno", relativamente alla quantificazione dell'imposta da applicare alle strutture turistiche ricettive extra-alberghiere

L'Abba, l' "Associazione Bed and Breakfast" di Agrigento, interviene in merito all'applicazione della "Tassa di soggiorno", relativamente alla quantificazione dell'imposta da applicare alle strutture turistiche ricettive extra-alberghiere (B&b, Case Vacanza, Affittacamere, Ostelli etc.).

«Come già accennato al sindaco, Calogero Firetto, che al presidente del Consiglio comunale, Daniela Catalano, in occasione di un incontro precedente, e successivamente ratificato ufficialmente dall'Assemblea straordinaria dei soci tenutasi lo scorso 19 novembre nella sede del Distretto turistico "Valle dei Templi", l'Abba è favorevole all'applicazione della tassa di scopo, perchè di certo l'Amministrazione vorrà destinarne i proventi all'implementazione di servizi ed infrastrutture per il turismo, oltre al miglioramento generale della vivibilità cittadina, anche in funzione della fruizione».

Lo afferma il presidente dell'associazione agrigentina, Giovanni Lopez, aggiungendo che «relativamente alla quantificazione della tassa di scopo per il settore extra-alberghiero, attualmente non ancora definita, l'Abba vuole proporre all'Amministrazione l'importo di un euro a persona, al giorno. Tale proposta nasce da un principio di proporzionalità tra le strutture turistiche ricettive in generale, affinchè l'imposta sia commisurata alla tipologia della struttura, alla chiara connotazione economica degli alloggi offerti dalla nostra categoria ed alla gestione a carattere familiare che l'extra-alberghiero prevede, sia nella sua regolamentazione che nella pratica.

Peraltro, come confermato dai dati statistici ufficiali, la tassa di soggiorno non ha influito negativamente in nessuna località turistica siciliana in cui è stata applicata, dalla più blasonata alla meno conosciuta. Prova ne è l'aumento del flusso turistico in località in cui tale imposta al turista è già in essere da qualche anno».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento