Cronaca

Ricorso accolto, coniugi non dovranno demolire la loro casa

Prima il Tar e poi il Cga hanno dato ragione a marito e moglie, che avevano ricevuto dal Comune un'ordinanza di ripristino dei luoghi

Una panoramica di San Leone

Due coniugi di Agrigento non dovranno operare per il ripristino dei luoghi di una loro abitazione a San Leone.

Lo hanno stabilito prima il Tar e poi il Cga, accogliendo il ricorso e l’appello presentato da marito e moglie, avverso un’ordinanza ricevuta dal Comune di Agrigento.

Per effetto delle sentenza  d'appello resa dal Consiglio di Giustizia Amministrativa, viene confermato l'annullamento dell'ordinanza di ripristino dello stato dei luoghi emessa dal Comune di Agrigento. I coniugi, che sono assistiti dagli avvocati Girolamo Rubino e Leonardo Cucchiara, avevano acquistato un lotto di terreno a San Leone, ed il Comune di Agrigento aveva concesso di costruire una villetta con sei vani e tre accessori destinata a civile abitazione.

A distanza di oltre venti anni il Comune di Agrigento comunicava l'avvio del procedimento per la verifica della regolarità della costruzione, procedimento che si concludeva con un'ordinanza di ripristino dello stato dei luoghi. Da qui i ricorsi al Tar prima ed al Cga poi, con i giudici amministrativi che in entrambi i casi hanno dato ragione a marito e moglie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricorso accolto, coniugi non dovranno demolire la loro casa

AgrigentoNotizie è in caricamento