rotate-mobile
Cronaca

"Ma il mare non vale una città?", iniziativa per tutelare l'ambiente

Marevivo, insieme al Governo ed alla capitanerie di porto, installa i "Cenerini" sulle spiagge italiane. Tre gli arenili dell'agrigentino coinvolti

Torna “Ma il mare non vale una cicca?”, iniziativa, giunta ormai all’ottava edizione, promossa da Marevivo in collaborazione con Jti, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, il supporto del Sindacato Italiano Balneari e il sostegno del Corpo delle Capitanerie di Porto “per proteggere le spiagge e il mare dai mozziconi di sigarette”.

Saranno 54 le spiagge e 8 i centri visita delle Aree Marine Protette della Sicilia coinvolte nell’iniziativa. Gli arenili dell’agrigentino coinvolti sono: l’Area marina protetta delle Isole Pelagie, la Scala dei Turchi e la spiaggia di Eraclea Minoa.

“Oggi, grazie al supporto di Jti saranno distribuiti – scrivono gli organizzatori - 650 posacenere da esterno, detti “Cenerino”, in 350 stabilimenti balneari in Italia e centri visita delle Aree Marine Protette, per proteggere il mare dall’abbandono dei mozziconi. Contemporaneamente centinaia di volontari saranno impegnati nella pulizia di circa 50 spiagge, lungo gli 8mila km di coste italiane. Testimonial di questa edizione è Giulio Berruti”. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ma il mare non vale una città?", iniziativa per tutelare l'ambiente

AgrigentoNotizie è in caricamento