menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

Boccone del povero, saranno risarciti i nove lavoratori licenziati

I lavoratori, rappresentati dall'avvocato Domenico Schembri, ritenendo illegittimo il licenziamento lo avevano impugnato dinanzi al giudice del lavoro del tribunale

C'è l'accordo. A siglarlo, davanti al giudice del lavoro del tribunale di Agrigento, è stata la Congregazione femminile Serve dei poveri - che gestiva il Boccone del povero di Favara - ed i nove lavoratori dipendenti in servizio nella struttura. A rendelo noto è stato l'avvocato Domenico Schembri che assisteva i lavoratori.

Lo scorso 7 dicembre, la Congregazione aveva intimato il licenziamento collettivo di tutti i lavoratori in servizio al Boccone del povero di Favara. I lavoratori - assistiti dall'avvocato Domenico Schembri - ritenendo illegittimo il licenziamento lo avevano impugnato dinanzi al giudice del lavoro del tribunale di Agrigento.

Ieri, il tribunale - quale esito di una proposta giudiziale di conciliazione - ha suggellato un accordo tra Congregazione e lavoratori. Accordo con il quale, accogliendo sostanzialmente le tesi dei lavoratori sulla illegittimità del licenziamento, ha disposto che la Congregazione versi a ciascun lavoratore una somma di denaro a titolo di indennità risarcitoria.

I lavoratori e l'avvocato Schembri hanno espresso grande soddisfazione per l'esito del procedimento giudiziario che ha riconosciuto un giusto risarcimento monetario per l'illegittimità del licenziamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento