Lunedì, 17 Maggio 2021
Trinacria selvaggia

Opinioni

Trinacria selvaggia

A cura di Antonio Vanadia

L'ultimo immortale

Il ratto delle chiaviche è un animale dalla complessa vita sociale; a New York si è impadronito di quasi 2500 isolati e nei paesi del terzo mondo è divenuto una piaga in quanto l'uomo distruggendo gli habitat selvaggi ha eliminato o fatto diminuire le specie che lo predano

"Lui" ha devastato nazioni, falciato popolazioni, occupato metropoli... Mi riferisco al ratto delle chiaviche, un animale dalla complessa vita sociale; a New York si è impadronito di quasi 2500 isolati e nei paesi del terzo mondo è divenuto una piaga in quanto l'uomo distruggendo gli habitat selvaggi ha eliminato o fatto diminuire le specie che lo predano.

Il ratto è estremamente astuto e intelligente, questo roditore si fida esclusivamente di quello che gli è noto, rifugge da ogni novità, infatti se sistemiamo un boccone avvelenato in un territorio popolato dai ratti il "boss" della colonia invia l'anziano del gruppo ad assaggiarla... soltanto dopo almeno 48 ore dall'ingestione il capo ne autorizzerà poi il consumo! Ma c'è dell'altro, se il topo assaggiatore muore gli individui della colonia si tramanderanno l'esperienza evitando sempre di assaggiare quella particolare esca.

I ratti delle chiaviche sono estremamente aggressivi e spietati nei confronti dei conspecifici che casualmente violano i confini di una colonia, in pratica se per esempio catturiamo un ratto di via Manzoni e lo rilasciamo al "Rabato" questo ratto farà una fine orribile. Sono spesso le femmine a fare il "lavoro sporco": lo sorprenderanno mentre è intento a cibarsi, gli salteranno addosso mordendolo al collo per tagliargli la carotide. Nessun intruso sarà mai accettato all'interno della colonia, vige una legge draconiana.

E che dire della sua inspiegabile capacità di sopravvivenza? Negli anni cinquanta gli americani fecero esplodere, presso l'atollo di Eniwetok, nell'oceano Pacifico, 14 bombe atomiche e una bomba termonucleare; ebbene alcuni anni dopo gli osservatori militari sbarcarono sull'isola protetti da tute anti radiazioni, il suolo era vetrificato dalla terribile onda di calore che lo aveva più volte percorso, non esisteva più la vegetazione, ma trovarono una colonia formata da numerosi ratti pasciuti e vigorosi!
L'uomo non vincerà mai la guerra contro i ratti.

Si parla di
AgrigentoNotizie è in caricamento