Trinacria selvaggia

Trinacria selvaggia

C'era una volta Lampedusa.....

Sono fortunato, ho conosciuto una Lampedusa degna della penna di Hugo Pratt, Conrad e Coloane. Una Lampedusa che non esiste più

La pace e la serenità regnavano sovrane, circolavano pochissimi mezzi a motore, niente supermercati, pasticcerie, negozi, pizzerie, discoteche, non esistevano alberghi,  ''B&B'', camping, ma solo una piccola pensione e le case dei pescatori e per mangiare un paio di arrangiati e pionieristici ristorantini a conduzione familiare, un paio di panifici, il pesce bastava scendere al porto, sgombri, sarde, alacce venivano regalate.

Il mare lampedusano a quell'epoca non conosceva lo sfregio e il degrado dell'inquinamento turistico e quello di una devastante pressione di pesca; ben ricordo i magazzini di Cala Salina ove affluiva quotidianamente il pescato: i rosati pagri di oltre 25 chili dalle massicce mascelle armate da denti aguzzi, le enormi cernie, le ceste piene di grosse aragoste che sbattevano sonoramente le code come nacchere,  le ricciole gigantesche e i dentici di inusitata taglia dai bagliori metallici.

E la pace e la tranquillità della baia dell' ''Isola dei conigli'', in quel famoso 21 luglio 1969 (Neil Armstrong poneva il piede sulla superficie lunare ) a mezzogiorno in spiaggia vi ero soltanto io,  la famiglia e uno stormo di vocianti gabbiani reali che volteggiavano riflettendo all'interno delle loro ali i fantasmagorici riflessi smeraldini della superficie marina; trascorsi in quel luogo alcune delle ore più belle della mia esistenza, ero in uno scenario naturale di selvaggio e incantato isolamento.

Ricordo che esplorai la spiaggia canticchiando la colonna sonora del ''Robinson Crusoe'' televisivo,  rimasi di stucco nel trovare il piastrone di una gigantesca tartaruga marina. Cala Pulcino (che vedete ritratta in questa mia foto dell'agosto del 1980), la ''tabaccara'', ''cala croce'' non conoscevano lo stupro del turismo di massa.

La sera i vicoli del paese dai bianchi muri calcinati irradiavano il calore immagazzinato nell'infuocato meriggio e risuonavano delle voci argentine dei bambini che si rincorrevano, mentre nell'aria si spandeva il profumo del pesce arrostito dinanzi l'uscio di casa. Sono fortunato,  ho conosciuto una Lampedusa degna della penna di Hugo Pratt, Conrad e Coloane. Una Lampedusa che non esiste più.

Trinacria selvaggia

Divulgatore naturalistico, produttore di documentari video e fotografici. Un impegno quarantennale nel campo della salvaguardia degli habitat e delle specie minacciate d'estinzione in provincia di Agrigento. Attraverso le sue immagini e le sue descrizioni ci guiderà all'interno delle contrade più incontaminate della nostra terra e non solo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di salvo
    salvo

    Carissimo Antonio anchio quel Epoca lo vissuta pure ma piltroppo epoca cambia i mondi si incrociano tra di loro e come loro anche lampedusa e cambiata ma solamente nella nuova generazione e nella cultura moderna a pensare che l'unico Albergo dell'Isola era mio Zio Raimondo Dimalta e poi le case di pescatori piltroppo siamo in un epoca medio evale enel contesto moderna e moderna e pultroppo anche Lampedusa sie adattata ad i suo cambiamenti eed essere moderna con tutte le techine. pure a me mi piaceva ma non solo pero ti devo dire che lampedusa e qui ed ancora qui ed esidte finche il mondi non finiranno si e vero che e stata condaggiata nelle sue belllezze ma ti posso dire che Lampedusa esiste e cè sempre nel tempo piu moderna e piu allavanguardi pero ti devo dire caro Amico le le spiagge le grotte le insenature i pesci gli scombri acciughe ci sono sempre e per fortuna i turisti possono ancora aprezzare quella che la natura cia riservati qualcosa e cambiata si e vero ma pultroppo e dico pultroppo anche noi siamo nel lera moderna e ci dobbiamo adeguare a questo pero ti ripeto che lampedusa esiste ancora con le sue cose traordinarie e naturali pultroppo altri tempi altri periodi oggi ti deve e ripeto ti deve alle tchnologie mderni altrimenti sei fottuto e rimani indietro nel tempo anche a me mi piaceva come era ma meglio lascire stare e quardare il futuro e questa nuova generazione pultroppo e cosi scusami di questo mio piccolo sfogo ma pultroppo e cosi ciao e lampedusa cè sara' per sempre qui nel mezzo dell mediterraneo con i suoi profumi e sempre bellezza grazie lampedusa di esistere ciao salvatore belviso picccolo imprenditore e affitta camere nel isola 

    • Avatar anonimo di salvatore
      salvatore

      Carissimo Antonio anche io  quell' epoca l'ho vissuta pure ma purtroppo l' epoca cambia i mondi si incrociano tra di loro e come loro anche Lampedusa è cambiata ma solamente nella nuova generazione e nella cultura moderna. Giustamente come ovunque succede, il tempo passa e si progredisce, nel bene o nel male.  Pensare che l'unico Albergo dell'Isola era mio Zio Raimondo Dimalta e poi le case di pescatori purtroppo siamo in un epoca progredita e nel contesto moderna e purtroppo o per fortuna anche Lampedusa si è  adattata a i suoi cambiamenti e ad essere moderna con tutte le tecniche. Pure a me  piaceva ma non solo, però ti devo dire che Lampedusa è qui, e esiste ancora. Finchè il mondo non cesserà la sua esistenza .  E' vero che e stata contagiata nelle sue belllezze ma ti posso dire che Lampedusa è sempre unica nel suo essere. Si è sempre adattata all'era moderna e prova ad essere all' avanguardia. Ti devo dire ,caro amico che le  spiagge, le grotte , le insenature, i pesci e tutto quello sopra citato da te , ci sono sempre e per fortuna i turisti possono ancora apprezzare quello che la natura ha riservato. Qualcosa ti ritorno a dire è cambiata, ma purtroppo anche noi siamo nell' era moderna. Oramai siamo in  altri tempi, altri periodi e oggi ci si deve adattare al progredire delle generazioni. Personalmente a me piaceva l'isola di un tempo, ma se vogliamo che il "turismo di massa" come da te chiamato, continuii ad approdare su questa isola dobbiamo avere uno sguardo verso  il futuro.  Scusami per questo mio piccolo sfogo, ma  i tempi ormai sono diversi, e ci tenevo a esporre un mio parere. Ciao e Lampedusa c'è e ci  sara' per sempre. Qui nel mezzo del mediterraneo con i suoi profumi e le sue infinite bellezze.  Grazie Lampedusa di esistere....  Salvatore Belviso picccolo imprenditore e affitta camere dell'isola.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento