Psicologia della notizia

Psicologia della notizia

Cari lettori

Questo articolo di oggi è per voi, per ringraziarvi del fatto che mi seguite, che mi leggete numerosi, che apprezzate questa rubrica e che spesso ne condividete i contenuti

Questo di oggi doveva essere l'ottantaquattresimo articolo del blog "La Psicologia della Notizia". Ricercando argomenti da trattare più o meno interessanti per voi lettori sempre pronti dietro l'angolo a seguire nuovi temi, sfatando forse quel pregiudizio e quel luogo comune che la psicologia è solo per i pazzi, ho pensato poi di fermarmi, fare una pausa e dedicare questo spazio di oggi a voi.

Infatti, cari lettori, questo articolo di oggi è per voi, per ringraziarvi del fatto che mi seguite, che mi leggete numerosi, che apprezzate questa rubrica e che spesso ne condividete i contenuti. L'idea era nata come la creazione di uno spazio libero per i pensieri, gli interrogativi e i dubbi che costellano la vita di tutti noi volendo anche accogliere la sfida di poter raccontare i fatti di cronaca con uno sguardo ai loro risvolti ed ai loro significati psicologici. E dato che, ad ogni modo, in Italia manca la cultura della salute psicologica, quantomeno ho cercato di portare avanti un approccio in maniera più leggiadra e creativa.

Lo psicologo, infatti, ancora oggi, nel 2014, è visto spesso come il medico dei malati di mente da persone appartenenti a svariate fasce d'età e classe. Eppure oggi più che mai certi termini arrivano dai settori specialistici dritti dritti nelle conversazioni quotidiane di tutti noi: depressione, ansia, attacchi di panico, fobie etc. citati infinite volte, che spesso però sono usati in modo errato e il loro significato viene un po distorto, semplificato o al contrario gonfiato creando comunque definizioni poco chiare.

Ecco, il mio obiettivo è stato finora quello di creare un ponte tra la psicologia e voi lettori, per condurvi trasversalmente ad approcciarvi con argomenti apparentemente familiari, curati da una figura che ancora così familiare poi non è.

E così concludo ringraziandovi ancora e sperando tacitamente, dietro questo articolo di oggi, che se un vostro apprezzamento esiste per questi argomenti che possa rappresentare una spinta per condurvi ad allargare gli orizzonti verso una disciplina (la psicologia) così misteriosa, affascinante e al contempo comunque adeguata ed efficace in questa nostra realtà che diviene sempre più complessa.

Vi ricordo, inoltre, che potete inviare una mail per chiedere l'approfondimento di qualche argomento specifico, che vi piacerebbe leggere ed analizzare. L'indirizzo mail è il seguente: florindabruccoleri@hotmail.it

Dott.ssa Florinda Bruccoleri 
Psicologa, Psicoterapeuta analista transazionale,
Psiconcologa ed esperta in psicologia forense.
Sito web: www.florindabruccoleri.it

Psicologia della Notizia

Specialista in Psico-oncologia, ho lavorato nel reparto di Oncologia dell'ospedale di Agrigento. Ho seguito poi un percorso di perfezionamento in Psicologia Forense, soprattutto nell'ambito della valutazione del danno psichico nei contesti di risarcimento danni. Ad oggi svolgo la mia attività ad Agrigento e provincia come Psicologa-Psicoterapeuta-Analista Transazionale. Sono stata da sempre una appassionata di scrittura e in questa rubrica voglio cogliere il binomio ed il legame tra cronaca e psicologia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento