rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Colonne d'ercole

Opinioni

Colonne d'ercole

A cura di Fabio Russello

Colonna d'Ercole: il Patto del Gallo che cambia tre volte

Prima erano tutti con il Pdl. Poi hanno litigato con quelli del Pdl (ma non con Alfano, perché Angelino non si tocca) e hanno sostenuto l'elezione di Zambuto contro il candidato del Pdl...

 

Il Patto del Gallo che cambia tre volte

Dunque, ricapitolando. Prima erano tutti con il Pdl. Poi hanno litigato con quelli del Pdl (ma non con Alfano, perché Angelino non si tocca) e hanno sostenuto l'elezione di Zambuto contro il candidato del Pdl. Ora Riccardo Gallo torna in lista per le regionali e a quanto pare lo farà con il Pdl. Proprio quelli che dicono (ahimé giustamente vista la questione dei rifiuti) peste e corna di Zambuto, di cui Piero Macedonio è assessore. 
 
Ora appare chiaro che se davvero Gallo andrà in lista con il Pdl il posto di Macedonio è a rischio (e infatti lui mette il freno da settimane). Pure i consiglieri comunali, che sono tanti, non sanno che pesci prendere. L'ultima è che il Patto è un movimento che può scegliere di volta in volta con chi stare. Prevedo che il Patto, nato per accompagnare con la mano Gallo all'assemblea regionale (gli attribuiscono 4 mila voti personali), farà la fine del movimento E polis. Sparirà. E tutti quelli che ci hanno creduto seguiranno Gallo, ammesso che venga eletto (sicuri che scatteranno due seggi al Pdl? Sicuro che avrà più voti di Bosco?), nel partito che lo accoglierà. 
 
Il Patto è già finito e non è un caso che Dipasquale, quello di Ragusa, sia in lista con Crocetta. Non hanno forse capito che seggi sicuri non ce ne sono più.
 
Per finire: da cittadino esprimo solidarietà al prefetto Ferrandino incredibilmente attaccato in queste ore per le informative antimafia.
 

Colonna d'Ercole: il Patto del Gallo che cambia tre volte

AgrigentoNotizie è in caricamento