Colonne d'Ercole

Colonne d'Ercole

Ipia "Fermi", il presidente D'Orsi ci spieghi

Possibile che nessuno alla Provincia - dove ci sono fior di tecnici - aveva pensato che forse c'era una soluzione alternativa come il Centro di formazione dell'Asi disponibile e pure gratuitamente?

(foto archivio)

Passerà in cavalleria. Ma la vicenda dell'Ipia "Fermi", per come è stata gestita, suscita indignazione. In sostanza la Provincia, che ha la competenza sugli istituti superiori, dopo avere scoperto che l'edificio di Calcarelle era stato realizzato con cemento depotenziato (e la colpa non è ovviamente dell'Amministrazione D'Orsi) ha semplicemente cercato un altro locale in affitto. A seicentomila euro l'anno.

Se non fosse stato per un movimento di opinione nato su Facebook - si chiamano "Punto e a capo" - tutta la vicenda si sarebbe chiusa così: l'imprenditore che ha costruito l'istituto negli anni Settanta e il tecnico che ha fatto il collaudo rimarranno impuniti (c'è la prescrizione) e il costo di quella "ruberia" sarebbe pesato sulle tasche dei cittadini.

Ma possibile che nessuno alla Provincia - dove ci sono fior di tecnici - aveva pensato che forse c'era una soluzione alternativa come il Centro di formazione dell'Asi disponibile e pure gratuitamente? Possibile che la proposta sia dovuta partire da un gruppo di cittadini? Ma che li paghiamo a fare questi che avrebbero invece dovuto loro trovare una soluzione alternativa conveniente per le casse pubbliche? Spieghino - ma tanto lo so: non lo faranno - come sia stato possibile che nessuno ci aveva pensato prima. Vanno rimossi.

Colonne d'ercole

" Classe 1971, è un giornalista, firma del quotidiano ""La Sicilia"" e corrispondente da Agrigento per ""La Repubblica"" e per l'agenzia di stampa ""Agi"". Iscritto all'Ordine dei giornalisti pubblicisti nel 1994, è diventato professionista nel 2007. Racconta per noi - controcorrente - quello che va al di là dei confini della cronaca. "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • D'Orsi, CI SPIEGHI, aspetta e spera, no, speriamo, noi dobbiamo sempre, sperare, aspettare, confidare, augurare, cosi' passa il tempo, campa cavallo che l'erba cresce.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento