Colonne d'Ercole

Colonne d'Ercole

Vecchioni, ecco le 199 ragioni per dire che hai sbagliato

La Sicilia non è un’isola così di merda come hai detto. E’ vero, c’è chi parcheggia in doppia fila (ma pure a Roma e Milano eh) e chi va sullo scooter senza casco. Ma quando ti ho sentito biascicare queste parole mi sembrava di risentire l’avvocato di Johnny Stecchino

Roberto Vecchioni

Caro Roberto Vecchioni, ti prego, leggi questo elenco. E’ purtroppo lungo, ma leggilo.

Mauro De Mauro, Pietro Scaglione Antonio Lo Russo, Giovanni Spampinato, Angelo Sorino, Calogero Morreale, Gaetano Cappiello, Carmine Apuzzo, Salvatore Falcetta, Giuseppe Muscarella, Giovanni La Greca, Riccardo Cristaldi, Lorenzo Pace e Benedetto Zuccaro, Annalisa Angotti, 4 anni, Carmela Milazzo, Giuseppe Russo, Filippo Costa, Attilio Bonincontro, Gaetano Longo Ugo Triolo, Peppino Impastato, Salvatore Castelbuono, Filadelfo Aparo, Mario Francese, Giuseppe Spallino, Giorgio Boris Giuliano, Cesare Terranova, Lenin Mancuso, Giovanni Bellissima, Salvatore Bologna, Domenico Marrara, Piersanti Mattarella, Emanuele Basile, Pietro Cerulli, Gaetano Costa, Carmelo Iannì, Domenico Francavilla, Mariano Virone e Vincenzo Mulè, Vito Jevolella, Michele Ciminnisi, Vincenzo Romano, Sebastiano Bosio, Onofrio Valvola, Piero Pisa, Alfredo Agosta, Pio La Torre, Rosario Di Salvo, Giuseppe Lala, Domenico Vecchio e Antonio Valenti, Antonino Peri, Salvatore Raiti, Silvano Franzolin e Luigi Di Barca, Giuseppe di Lavore, Antonio Burrafato, Paolo Giaccone, Vincenzo Spinelli, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Manuela Setti Carraro, Domenico Russo, Calogero Zucchetto, Carmelo Cerruto, Salvatore Pollara, Gioacchino Crisafulli, Mario D'aleo e Giuseppe Bommarito, Pietro Morici, Rocco Chinnici, Mario Trapassi e Salvatore Bartolotta, Stefano Li Sacchi, Rosalia Pipitone, Salvatore Zangara Sebastiano Alongi, Pippo Fava, Vincenzo Vento, Pietro Busetta, Roberto Parisi, Giuseppe Mangano, Pietro Patti, Giovanni Carbone, Antonino (Ninni) Cassarà, Beppe Montana e Roberto Antiochia, Biagio Siciliano, Enrico Antonio Monteleone, Graziella Campagna, Paolo Bottone, Francesco Alfano, Francesco Paolo Semilia, Salvatore Benigno, Filippo Gebbia, Antonio Morreale, Claudio Domino, Nunziata Spina, Rosario Pietro Giaccone, Cosimo Aleo, Giuseppe Cutruneo, Rosario Montalto, Natale Mondo, Donato Boscia, Grazia Scimé, Alberto Giacomelli, Antonino Saetta, Stefano Saetta, Mauro Rostagno, Giuseppe Failla, Carmelo Zaccarello, Giuseppe Montalbano, Luigi Ranieri, Francesco Pepi, Nicola D'Antrassi, Antonio D'Onufrio, Salvatore Incardona, Antonino (Nino) Agostino, Ida Castelluccio, Leonarda Cosentino, Giovanni Bonsignore, Giuseppe Bunone e Marco Bonsignore, Giuseppe Sottile, Giuseppe Marnalo, Stefano Volpe, Rosario Livatino, Giuseppe Aiello, Francesco Vecchio, Alessandro Rovetta, Pietro Caruso, Ignazio Aloisi, Nicolò Di Marco, Antonino Iacolino, Vincenzo Leonardi, Stefano Siragusa, Gaspare Palmeri, Giuseppe e Salvatore Sceusa, Vincenzo Salvatori, Ahmed Bizguirne, Andrea Savoca, Libero Grassi, Giuseppe Alotto Antonino Spartà e i figli Vincenzo e Salvatore, Salvatore Mineo, Giuliano Guazzelli, Paolo Borsellino e Giuseppe Borsellino, Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani, Paolo Borsellino, Emanuela Loi, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina, Giovanni Lizzio, Pasquale Di Lorenzo, Carmelo Anzalone, Gaetano Giordano, Beppe Alfano, Calogero Zaffuto, Andrea Castelli, Diego Passafiume, don Pino Puglisi, Giuseppe di Matteo, Luigi Bodenza, Enrico Incognito, Salvatore Bennici, Saverio (Elio) Liardo, Girolamo Palazzolo, Giovanni Salamone, Giovanni Carbone, Antonino Longo, Pierantonio Sandri, Serafino Famà Giuseppe Montalto, Giuseppe Puglisi, Calogero Tramuta, Giuseppe La Franca, Giulio Castellino, Sonia Nakladolova, Angelo Bruno, Matteo Bottari, Antonio Condello, Stefano Pompeo, Filippo Basile, Vincenzo Vaccaro Notte, Salvatore Vaccaro Notte, Carmelo Benvegna, Michele Amico.

Sono i 199 morti per mano della mafia, dal 1970 in poi. Sono tutti, o quasi, siciliani. La Sicilia non è un’isola così di merda come hai detto. E’ vero, c’è chi parcheggia in doppia fila (ma pure a Roma e Milano eh) e chi va sullo scooter senza casco. Ma quando ti ho sentito biascicare queste parole mi sembrava di risentire l’avvocato di Johnny Stecchino. 

Ma lì si doveva riflettere sorridendo. Tu, caro Roberto, mi hai regalato un sorriso amaro per la banalità che hai detto. 

Caro Vecchioni hai detto una minchiata. Dovresti chiedere scusa.

Colonne d'ercole

" Classe 1971, è un giornalista, firma del quotidiano ""La Sicilia"" e corrispondente da Agrigento per ""La Repubblica"" e per l'agenzia di stampa ""Agi"". Iscritto all'Ordine dei giornalisti pubblicisti nel 1994, è diventato professionista nel 2007. Racconta per noi - controcorrente - quello che va al di là dei confini della cronaca. "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (29)

  • Avatar anonimo di Salvatore
    Salvatore

    Trovo molto più utili le critiche di Vecchioni che non le "difese" ingiustificate di molti che si indignano pure. Come se non fosse vero che qui non funziona quasi nulla: sanità zero, salvo qualche piccola oasi (cmq non all'altezza delle eccellenze del Nord), viabilità  stradale zero, oltre il 25% delle strade impraticabili e la restante parte non in condizioni  ottimale, ferrovie zero assoluto, servizi pubblici quale spazzatura, raccolta discontinua, niente differenziata e costi elevatissimi; distribuzione acqua: saltuariamente. Uffici comunali al servizio di loro stessi, giardini pubblici  per bimbi assenti, scuole cadenti

  • Avatar anonimo di Andrea
    Andrea

    Le affermazioni di Vecchioni se interpretate come provocazione,rabbia verso una terra piena di contraddizioni...... ci possono pure stare, anche se,aimè,forse ha sbagliato nei toni......Tuttavia,guai a generalizzare.Il qualunquismo non mi appartine....e secondo me il cantautore dovrebbe meglio precisare il senso improprio delle sue parole.

  • Avatar anonimo di franco t
    franco t

    se si trattasse semplicemente di auto in doppia fila, saremmo stati in un'isola felice; purtroppo non si tratta solatanto di questo e noi siciliani, in primis, lo sappiamo benissimo quali sono i reali problemi della nostra terra. I morti ammazzati sono stati velocemente dimenticati, ogni tanto una cerimonia e poi via verso la prossima truffa ad accaparrarsi i soldi dei cittadini, i quali pagano tasse locali più care a dispetto di sevizi sempre più scarsi. Le truffe grandi e piccole, le raccomandazioni, le deivazioni per far lavorare gente incapace e quindi far compiere loro disastri, lo statuto speciale, il lavoro in nero, gli appalti e le chiamate dirette, le promesse politiche che poi non si realizzano, sindaci che portano comuni in dissesto e poi non pagano, le famiglie politiche che arrichiscono, le famiglie che muoino di fame, i centri di accoglienza, i precari ed i lecchini, l'ARS ed altro ancora sono mafie a tutti gli effetti. NOI SICILIANI DOBBIAMO FOTTERE GLI ALTRI, PERCHE' SIAMO PIU' SPERTI, PERO' ALLA FINE CI FOTTIAMO DA NOI.

  • Avatar anonimo di salvo
    salvo

    199 morti che stavano cercando di attuare un cambiamento. Qual'e' il nesso con le parole di Vecchioni?

  • *critica costruttiva

  • Purtroppo noi siciliani siamo cosi' presuntuosi da scambiare un grido di rabbia, che ha il solo obiettivo di smuovere le nostre coscienze, con on'offesa e giù' con le critiche, fregiandosi di 199 nomi che, sicuramente, si sono battuti affinché' la nostra terra fosse migliore, libera dalla mafia e da quel servilismo che e' innato in noi ma che, purtroppo, non sono riusciti nell'intento anche per l'indifferenza di molti di noi. Se non fosse stata utilizzata la parola "merda", molti che oggi criticano Vecchioni, avrebbero condiviso le sue parole. Fare gli struzzi non serve a niente, tantomeno pensare che "mal comune mezzo gaudio". La mia vuole essere solo una critica, senza offendere nessuno. Saluti.

  • Avatar anonimo di Giuseppe
    Giuseppe

    Ho già avuto modo di scrivere nei giorni scorsi in merito alla caduta di stile di Roberto Vecchioni. Ed ho concluso dicendo che, nonostante suo parere contrario, noi siciliani abbiamo un grande senso di civiltà, pertanto siamo disposti ad accettare le sue scuse.

  • Avatar anonimo di giorgio
    giorgio

    Da siciliano dico con tristezza che Vecchioni ha ragione. Finiamola di difendere l'indifendibile. Gli esempi che fanno eccezione sono tanto pochi che si perdono come gocce nel mare. Quello che conta purtroppo non e'  un fulgido esempio, a volte sparuto, di un singolo ma lo status della collettivita' chiaro sotto gli occhi di tutti. Finiamola di piangerci addosso e di avere indulgenza...semmai cambiamo atteggiamento spronati dallo spunto generico ma sacrosanto di Vecchioni!

  • Avatar anonimo di francesco
    francesco

    Questo e' un giornalista che non ha capito j cazzo. 

  • Vecchioni ha in parte ragione, si, perchè ciò che ha elencato è solo una piccolissima parte dei problemi che fanno della nostra terra un luogo privo di senso civico. E chi dice il contrario è un ipocrita. Mi fanno specie poi quei politici che si indignano, quando sono i primi colpevoli di questa situazione.

  • non cambia la mia stima per il poeta Vecchioni, per il cantautore, e sono d'accordo con lui quando afferma che quei politici siciliani foraggiano la mafia con i contributi europei ,comprano i voti, schiavizzano le persone e la corruzione dilaga in tutti i meandri della pubblica amministrazione sono Merda questi Siciliani, sono Merda questi Italiani, sono Merda questi italiani che non vogliono toccati i loro privilegi con stipendi superiori alla media europea(vedi Reporter).Affondiamo nella Merda non c'era di bisogno di venire in Sicilia per accorgersene. Io non voglio che mi uccidano il prossimo magistrato, perché la memoria non è facile ricostruire. I Siciliani onesti non devono lasciare soli quei magistrati coraggiosi per la difesa della democrazia.

  • Avatar anonimo di Enrico Stagnitto
    Enrico Stagnitto

    Il.mo Prof,l'ho sempre ammirata con grande interesse,nonostante i miei 43 anni i suoi brani hanno fatto parte del mio bagaglio d'interesse musicale, l'ho sempre vista come una persona di animo nobile e sensibile oltre che un uomo di eccelsa cultura pechè  l'ho ritenuta persona umile,ma quest'affermazione mi mette nella posizione di rivalutarla,Dietro la sua affermazione di puro ignorante e  sicuramente di leggiera riflessione,  magari questo a lei può importare niente,invece vi è un Sicilia di Siciliani onesti,Siciliani che hanno fatte scelte drastiche per rimanere nella propria Terra,una Sicilia di Siciliani che hanno subito il volere dei poletici "Polentoni" e si ricordi che un noto pentito rispose ad una domanda inerente ai rapporti Politia-mafia ,rivolto sopratutto ai grossi politici "Polentoni" << La mafia non ha mai chiesto nulla alla Politica>>.La Sicilia di Siciliani che per un pezzo di pane subiscono angherie di Polentoni come se fossimo il terzo mondo,magari insegnando a voi che già il saluto è segno di educazione e non semplicemeente il mostrare essere riservati.Siciliani che si sono integrati accettando ed adeguandosi alla cultura del posto quindi rispettando la Democrazia e la libertà di parole a Lei non è concesso di offendere una terra particolare e cara.coibenza

    • Avatar anonimo di ignazio
      ignazio

      da siciliano non accetto le scuse del cantante .Una persona alla sua età dovrebbe avere il cervello con con la bocca collegati.Lui il cantante dovrebbe sapersi guardare in giro.Gli faccio notare che nelle scuole della sua città gli alunni di tante scuole d'obblico non hanno la carta igienica per pulirsi.Almeno da noi i nostri figli  la carta igienica ce l'hanno.Non voglio prolungarmi di più perchè ho troppa rabbia dentro.

  • !99 persone (ammesso che nessuno sia stato tralasciato) morte invano. Il loro nome è stato annunciato una qualche sera nei titoli del tg, per poi essere dimenticato celermente. E' questo il triste della questione

  • Avatar anonimo di fausto
    fausto

    da SIciliano dico che l'unica cosa sbagliata è la frase Sicilia è un'isola di merda, uno come Vecchioni non dice banalità, ma ha chiarito bene il concetto e nessuno può dargli torto! amo la mia terra ma è una merda! tutto è una merda! per non pensare ai troppi problemi di quest'isola vado in posti dove sono solo, mi circondo dei meravigliosi paesaggi e nel silenzio mi accorgo di quanto sia bella questa terra, il mare, i tramonti, le colline... non difendiamoci dalle parole di Vecchioni in modo sbagliato , dice solo la verità. ci sentiamo presi in causa solo quando ci mettono davanti gli occhi i veri problemi.

  • Avatar anonimo di giacomo
    giacomo

    Da siciliano, che vive in Sicilia, posso dire che in alcuni aspetti ha Ragione Vecchoni, Ponti che cadono,Politica mal funzionante,problemi con l'acqua (nel 2015 ancora), disoccupazione ai massimi livelli, Internet obsloeto, ecc ecc. C'è bisogno di cambiare in meglio, partendo dalla sicilia.

    • Avatar anonimo di Franco
      Franco

      Internet obsoleto... Questa proprio mi è nuova... Che cazzata! Quant'é miserabile voler vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto! 

  • Avatar anonimo di Mirabile Salvatore
    Mirabile Salvatore

    I super uomini come Vecchioni non chiedono scusa a nessuno!

  • Avatar anonimo di FRANCO
    FRANCO

    Egregio Prof.Vecchioni confessi ai siciliani di percepire tanto di trattamento finanziario di quiescienza senza sapere nemmeno dove si trovava la sua scuola!Vada nelle periferie della sua Milano,Quarto Oggiaro per esempio,e vedra' che al confronto Palermo non e' cosi' malaccio.Tutta la sua vita artistica e' stata sempre un"el pueblo unido jamas sara' vencido".Slogan da milionario.Stia sereno.Piuttosto sono rimasto sconcertato dalla mancata reazione,forse prevedibile,della Palermo radical chic che ha raccolto attorno a se'.Forse la gente presente era composta da rivoluzionari che affollano la Palermo da trecentomila euro ad unita' immobiliare.

  • Avatar anonimo di Gaetano Messina
    Gaetano Messina

    certo che deve chiedere scusa alla stragrande maggioranza di siciliani che merda non sono! Ovvero alla stessa stragrande parte di siciliani che però fa finta di non vedere che i Sicilia le cose vanno come vanno perché un po di colpa ce l'abbiamo tutti nel tollerare la combine politico- mafiosa che incancrenisce la vita sociale. La tolleriamo pure, è una cosa che è così e basta! Ci serve per sopravvivere! Tutti luoghi comuni che giustificano il nostro modo di essere che se da una parte ci differenzia dalla merda è anche vero che ci allontana profondamente  dalle motivazioni per cui sono morti i 199 personaggi di cui sopra. Per cui non offendiamoci se qualcuno ci sputa addosso, siamo stati bravi a consentirlo per paura, vigliaccheria, omertà, .... Ma abbiamo ciascuno di noi contribuito affinché non ci fosse uno solo dei 199 che potesse farci riscattare una dignità diversa e una forza vera e concreta per potere contrastare seriamente chi ci definisce merda!

    • Non vi ha sputato addosso, secondo me. Ha solo usato dei termini forti perchè ci fosse un risveglio delle coscienze e si cominciasse un contraddittorio. A quanto pare Vecchioni ha raggiunto lo scopo, che poi si giunga ad un risultato, questa è ben altra cosa!

  • Egregio signor Russello, credo che proprio i 199 nomi di eroi che lei ha citato sono la più lampante dimostrazione che Vecchioni aveva ragione. Invece di offenderci o richiamare alla memoria il passato, direi che sarebbe il caso di sbattere il muso contro la realtà. Ci rifletta su. Cordialità.

  • Io dico che Vecchioni è lui un compagno di m*****, e lo è sempre stato.

  • Avatar anonimo di Alberto
    Alberto

    La Sicilia è una merda anche (e soprattutto) perchè tutte quelle persone elencate sono dovute morire. E lo sappiamo tutti.

  • Avatar anonimo di Maria Mangiaracina
    Maria Mangiaracina

    Sventurata la terra che ha bisogno di eroi.

    • Sventurata la terra che ha bisogno di eroi.

      E

  • Avatar anonimo di Antonio Prestia
    Antonio Prestia

    Condivido e sottoscrivo. Bravo Fabio! 

  • Avatar anonimo di Gerlando Tabuso
    Gerlando Tabuso

    A me sembrano 199 buone ragioni per essere daccordo con Vecchioni. Solo una mente distorta può pensare che avere ammazzato 199 tra magistrati, polizziotti, carabinieri o semplici cittadini possa essere motivo di vanto: in questo caso dovremmo dare una medaglia al valore ai mafiosi.

    • Avatar anonimo di Claudia Casa
      Claudia Casa

      Dover richiamare i morti per rivalutare lo spessore dei vivi... In effetti fa un po' impressione.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento