Colonne d'Ercole

Colonne d'Ercole

Biancaneve tra i Templi

L'Ente Parco sta realizzando una specie di struttura ricettiva e biglietteria per gli oltre trecentomila turisti che vengono ad Agrigento per visitare i monumenti che, pare, sarà a impatto zero. Si grida allo scandalo, ma lo fa chi non ha mai speso una parola quando nella Valle si aprivano i cantieri per fare case private

Scomodiamo, di nuovo, Luigi Pirandello? E scomodiamolo vah. Dunque l'Ente Parco sta realizzando nella Valle dei Templi una specie di struttura ricettiva e biglietteria per gli oltre trecentomila turisti che vengono ad Agrigento per visitare i monumenti. Apriti cielo. Arrivano quelli che non hanno mai speso una parola quando nella Valle si aprivano i cantieri per fare case private (e non certo strutture pubbliche...) e gridano allo scandalo. Eh no, non ci sto.

Per dire: MareAmico in questi mesi si è battuta per far diventare la questione del mare di San Leone oggetto di dibattito. Niente "polipi" (ma non è roba da chirurghi) né cozze, né trovate e interviste surreali. Ma un dibattito serrato e aspro. Chi ha ragione non conta in questa fase. L'importante è che se ne parli. Ma sulla vicenda dell'Infopoint c'è stata leggerezza.

È una struttura che serve alla collettività, accoglierà i turisti e parte di quei soldi incassati finiranno al Comune che poi (in teoria, molto in teoria...) finanzierà opere per migliorare la fruizione dei monumenti. Un circuito virtuoso. Eppure dagli stessi ambienti mai troppo severi con chi ha costruito abusivamente case private arrivano gli strali per una struttura pubblica nemmeno conclusa e che secondo i vertici del Parco sarà a impatto ambientale zero. Avere chiarimenti è doveroso. Ma prima allora chiediamoli a chi vicino la Valle ci ha costruito le case per sé e per la propria famiglia. Se no è troppo facile.

Colonne d'ercole

" Classe 1971, è un giornalista, firma del quotidiano ""La Sicilia"" e corrispondente da Agrigento per ""La Repubblica"" e per l'agenzia di stampa ""Agi"". Iscritto all'Ordine dei giornalisti pubblicisti nel 1994, è diventato professionista nel 2007. Racconta per noi - controcorrente - quello che va al di là dei confini della cronaca. "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Abusivo della zona A
    Abusivo della zona A

    Per certi versi avete tutti ragione e' necessario costruire una biglietteria e quanto altro necessario  per i turisti se non si potesse operare diversamente.Ma negli anni sono state acquisite al demanio regionale decine di case (molte anche in prossimità' del costruendo info-point) mi chiedo perché' non utilizzare gli edifici esistenti già' di proprietà' demaniale invece di costruire di nuovi? Perché' realizzare una struttura in calcestruzzo e metallo dell'altezza di circa 5 metri spacciando la per amovibile? Perché' realizzare una struttura in calcestruzzo e ferro con una fondazione dello spessore fuori terra di cm.60  comunicando che la stessa non ha intaccato lo strato archeologico?Perche' non valutare l'impatto di un tolto di 5 metri  visto dall'area del tempio di Giove? Se

  • Avatar anonimo di Calogero
    Calogero

    Il Popolo del non fare si è messo in movimento. Questa è la terra del non fare e mentre gli altri vanno avanti noi restiamo indietro e fermi. Quanti progetti che per questa città non andavano bene e poi sono stati fatti da altri. Forza così POPOLO DEL NON FARE.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento