rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Colonne d'ercole

Opinioni

Colonne d'ercole

A cura di Fabio Russello

Biancaneve tra i Templi

L'Ente Parco sta realizzando una specie di struttura ricettiva e biglietteria per gli oltre trecentomila turisti che vengono ad Agrigento per visitare i monumenti che, pare, sarà a impatto zero. Si grida allo scandalo, ma lo fa chi non ha mai speso una parola quando nella Valle si aprivano i cantieri per fare case private

Scomodiamo, di nuovo, Luigi Pirandello? E scomodiamolo vah. Dunque l'Ente Parco sta realizzando nella Valle dei Templi una specie di struttura ricettiva e biglietteria per gli oltre trecentomila turisti che vengono ad Agrigento per visitare i monumenti. Apriti cielo. Arrivano quelli che non hanno mai speso una parola quando nella Valle si aprivano i cantieri per fare case private (e non certo strutture pubbliche...) e gridano allo scandalo. Eh no, non ci sto.

Per dire: MareAmico in questi mesi si è battuta per far diventare la questione del mare di San Leone oggetto di dibattito. Niente "polipi" (ma non è roba da chirurghi) né cozze, né trovate e interviste surreali. Ma un dibattito serrato e aspro. Chi ha ragione non conta in questa fase. L'importante è che se ne parli. Ma sulla vicenda dell'Infopoint c'è stata leggerezza.

È una struttura che serve alla collettività, accoglierà i turisti e parte di quei soldi incassati finiranno al Comune che poi (in teoria, molto in teoria...) finanzierà opere per migliorare la fruizione dei monumenti. Un circuito virtuoso. Eppure dagli stessi ambienti mai troppo severi con chi ha costruito abusivamente case private arrivano gli strali per una struttura pubblica nemmeno conclusa e che secondo i vertici del Parco sarà a impatto ambientale zero. Avere chiarimenti è doveroso. Ma prima allora chiediamoli a chi vicino la Valle ci ha costruito le case per sé e per la propria famiglia. Se no è troppo facile.

Biancaneve tra i Templi

AgrigentoNotizie è in caricamento