Colonne d'Ercole

Colonne d'Ercole

Sette anni non sono pochi

L'Amministrazione di Marco Zambuto è a immagine e somiglianza dell'agrigentino medio. Però diciamo anche che è al vertice del Comune da ormai quasi sette anni. Un lasso di tempo sufficiente a dare una risposta al semplicissimo quesito: la città era meglio prima del maggio del 2007 o è meglio ora?

L'altro giorno passando per San Leone, e vedendo in che condizioni è quella frazione - sporcizie un po' dappertutto, colpa anche dei cosidetti cittadini - mi sono chiesto perché la nostra città debba avere questo aspetto di oggettivo degrado. Il problema vero è, probabilmente, la assenza di manutenzione ordinaria.

Le buche lungo le strade, purtroppo, ormai le conosciamo a menadito. Il degrado comprende il verde pubblico, le aiuole, le strade, i muri, gli uffici, dappertutto si può toccare con la mano. Su questo i cittadini di Agrigento - che non brillano per civiltà, ma è questione antropologica - non hanno colpa diretta. La loro colpa è quella di avere eletto altri agrigentini al vertice delle Amministrazioni.

E Marco Zambuto non sfugge a questa logica. Lui è un agrigentino ed è stato eletto dagli agrigentini. La sua Amministrazione è a immagine e somiglianza dell'agrigentino medio. Però diciamo anche che è al vertice del Comune da ormai quasi sette anni. Un lasso di tempo sufficiente a dare una risposta al semplicissimo quesito: la città era meglio prima del maggio del 2007 o è meglio ora? Probabilmente è peggiorata, e se in sette anni non si è riusciti a migliorarla qualche domanda se la dovrebbe porre anche il sindaco. Certo, lui insisterà con la storia del risanamento, i debiti etc etc.

In parte è vero, però forse il prezzo che stiamo pagando è troppo alto e lui, il sindaco, appare disattento. Mentre sta lì e si gode questo Consiglio comunale un po' sgangherato (che si diminuisce il gettone, ma che si aumenta il tetto percebile) c'è anche chi, pur essendo palesemente parte in causa, porta avanti interessi di una minoranza a scapito della maggioranza (e parliamo dei tentativi sempre più insistenti di trovare il grimaldello per rendere legali le case della Zona A che legali non sono). Agrigento merita forse di più.

Colonne d'ercole

" Classe 1971, è un giornalista, firma del quotidiano ""La Sicilia"" e corrispondente da Agrigento per ""La Repubblica"" e per l'agenzia di stampa ""Agi"". Iscritto all'Ordine dei giornalisti pubblicisti nel 1994, è diventato professionista nel 2007. Racconta per noi - controcorrente - quello che va al di là dei confini della cronaca. "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di Tanocarlo
    Tanocarlo

    Articolo interessante! La difficoltà di vivere in una città "così" (forse un pò squallida e un pò superba) è palese e quotidiana!  Possiamo pure nascondersi dietro ad un dito ma bisogna riconoscere che è un pò così. In caso contrario dovremmo mettere da parte orgoglio e dignità, che si basano su un concetto semplice: la Verità delle cose!  

  • Probabilmente ci meritiamo quello che abbiamo.Questo sindaco è stato eletto per ben 2 volte da quei cittadini che oggi lo vedono come fumo negli occhi!Forse viviamo troppo di speranza che nel caso del Sindaco Zambuto si è palesata con l'immagine di un giovane che sembrava lontano dai giochi della politica e del politichese.Purtroppo era solo una speranza!

  • Avatar anonimo di carlo
    carlo

    Spontanee sorgono le domande: Russello,mi dici di dove sei? Se sei di Agrigento gradirei sapere come riesci a convivere con gli Agrigentini medi? Immagino le Tue enormi difficoltà a confrontarti con lo "schifo" ( sei riuscito a trovare l'eufemismo traducendolo in Agrigentino medio) e il Tuo disagio interiore...

    • Avatar anonimo di Fabio russello
      Fabio russello

      Sono anche io un agrigentino medio. Né migliore, né peggiore di lei.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento