Colonne d'Ercole

Colonne d'Ercole

Conpraci, noi altri semo in vendita

Ecco una lettera in tre lingue, veneto (anzi, padovano), italiano e siciliano al candidato sindaco Marco Marcolin. Una specie di Stele di Rosetta in salsa agrigentina: impariamo ad avvicinarci anche alla lingua veneta

CONPRACI, NOI ALTRI SEMO IN VENDITA
Egregio siòr Marco Marcoìn, anca se eo el xè leghista – cossa che dovarìa susitàr antipatia – a mi eo el me xè sinpatico. Mi eo vedo e me desmentego el “Prima el Nord”, el “Vesuvio lavai tuti” (ghe xè anca ea versiòn co l’Etna) e tute ‘e altre cassade che in questi ani gavemo leto e sentìo dire da anbienti a eo vissìn. A mi me xè sinpatico forse parchè tute ‘e volte che a sento a mi me pare de sentìr Albanese quando ch’el interpreta el leghista de “Tuto tuto, gnente gnente” (se eo ricorda? “Faremo un’autostrada Padova – Brachetto di Sotto!”). Però eo gà – almànco davanti ai me’ oci – ea posibiità de redimerse (dal grave difeto, par mi, de esser leghista) e de conquistarse ea patente de teròn “ad honorem”. Eo xe drìo candidarse qua da noaltri – eo che el vièn dal profondisimo Nord – anca contro ea “vecia poitica” che, come eo gà tante volte (e co ea rasòn) dito, gà relegà noaltri a l’ultimo posto ne ea clasificha dea quaità dea vita. ‘assemo perdere che qua i gà (quasi) sempre governà quei che par ani xè sta’ compagni dea Lega al Nord ma anca a Roma, mi ghe digo che eo el gà rasòn: noaltri gavemo dei poitici de destra, de sinistra e de centro che no i xe boni de far gnente. Eora mi ghe digo de far scambio. Dopo che go leto che eo se gà inpegnà par far avere ‘na più granda autonomia par el Veneto (ea xè ‘na notissia de pochi giorni fa, vero?) parchè no ‘l propone al Governo qualcossa de concreto par Agrigento? Cossa ghe ne so mi? El diga de stansiare i schèi che ghe vòe par tirar su, par esempio, ea Catedrae de Agrigento. Certo, quea ea xè ‘na bataglia del cardinae Montenegro che el xè conosùo par esser molto sensibie a la problematica de l’imigrasiòn. Però se sta roba qua ea fasesse eo, a gavarìa do significati: el dimostrarìa de inpegnarse par la cità che el dise de amare (e mi ghe credo) e sopratuto el dimostrarìa che ea cassada del “Prima il Nord”, a xe davero ‘na cassada. E inoltre el dimostrarìa che i nostri parlamentari teroni no i xe boni de far gnente. Ecco, questa qua sarìa ea nostra autostrada Padova – Brachetto di Sotto.

ITALIANO: COMPRACI, NOI SIAMO IN VENDITA
Egregio sig. Marco Marcolin, anche se lei è leghista - circostanza che di per sé dovrebbe suscitare antipatia - mi fa simpatia. La vedo e dimentico il «Prima il Nord», il «Vesuvio lavali tutti» (c'è anche la variante Etna) e tutte le altre fregnacce che in questi anni abbiamo letto e sentito provenire da ambienti a lei vicini. La trovo simpatico forse perché ogni volta che la ascolto mi sembra di sentire l'Albanese che interpreta il leghista di «Tutto tutto, niente niente» (si ricorda? «Faremo un'autostrada Padova Brachetto di Sotto!»). Però ha - almeno ai miei occhi - la possibilità di redimersi (dalla grave colpa, secondo me, di essere leghista) e di conquistarsi la patente di terrone «ad honorem». Lei si candida qui da noi - lei che viene dal profondissimo Nord - anche contro la «vecchia politica» che, come ha più volte (e giustamente) detto, ci ha relagato all'ultimo posto delle classifiche della qualità della vita. Tralasciando il fatto che qui hanno (quasi) sempre governato quelli che per anni sono stati alleati della Lega al Nord ma anche a Roma, io le dico che però ha ragione: abbiamo una classe politica di destra, di sinistra e di centro, inconcludente e, alla prova dei fatti, incapace. E allora le propongo uno scambio. Dopo avere letto che si è impegnato per fare ottenere una maggiore autonomia al Veneto (è notizia di pochi giorni fa, no?) perché in Parlamento non propone qualcosa di concreto per Agrigento. Che ne so? Proponga di stanziare le somme necessarie per tirare su ad esempio la Cattedrale di Agrigento. Certo, quella è una battaglia del cardinale Montenegro che è noto per essere molto sensibile alla problematica dell'immigrazione. Però se lo facesse lei avrebbe un doppio significato: dimostrerebbe il suo impegno per la città che dice di amare (e ci credo) e soprattutto dimostrerà che la fregnaccia del «Prima il Nord» è, effettivamente una fregnaccia. E inoltre dimostrerebbe che i nostri parlamentari «terroni» sono concretamente includenti. Ecco, questa sarebbe la nostra autostrada Padova - Brachetto di Sotto.

SICILIANU: ACCATTANI, CA NNI POTEMU VINNIRI
Carissimu sig. Marco Marcolin, anchi si vossia è lighista- cosa ca un pocu mi fa rovesciari – però mi fa simpatia. A taliu e pensu a “Prima u nord”, a “Vesuviu lavali tutti” (opuru “Etna”) e tutti l’autri minchiati ca amu sintutu e liggiutu dall’amici so. Però vossia mi fa simpatia picchì ogni vota ca a sentu mi pari di sentiri Albanese nno firm “Tutto tutto, niente niente” (s’arricorda? “Amaffari n’autostrata Padova Brachetto di Sutta!”). Però – almenu pimmìa – lei si po arripigliari (da curpa gravissima di essiri lighista) e di pigliarisi a patenti di terruni onorario. Vossia si sta purtannu a sinnaco – vossia ca veni do nord profunnu – anchi contro a vecchia politica ca, come vossia dissi giustamenti, nni purtà muru cu muru cu spitali. Lassamu iri ca cca hanno sempri cumannatu chiddri ca eranu amici so’ a Roma e puru nno Nord, ma dicu ca però vossia havi ragiuni. Avemu na pocu di politici, di destra, di sinistra e di centru, ca un sannu fari nenti, su ‘ncampaci. E allura ci propongo u scanciu. Vossia si sta mpignannu pi dari o Venetu una maggiori autonomia (u liggivu quarchi jornu fa)  picchì allura vossia in Parlamento un proponi quarchi cosa di concretu anchi pi Giurgenti? Chi nni sacciu? Macari putissi addumannari i sordi pi un fari arrizzulari a Cattedrali. Va beni, chiddra è una battaglia do cardinali Montenegro ca è famusi pu so impegno pi stranieri. Però si vossia facissi sta cosa avissi un significato doppiu: ni facissi capiri u so veru amuri pa nostra città e po’ nni facissi puru vidiri che puru pi vossia è una minchiata a minchiata do “prima u Nord”. E poi, si vossia u facissi piddaveru, putissi dimostrari ca i nostri politici su vero nutuli. Ecco, si vossia facissi veru sta cosa, chista fussi pi nantri comu un’autostrata Padova Brachetto di Sotto.

N.B.: Il testo in italiano e la traduzione in siciliano è mia. Il testo in padovano è del vicepresidente provinciale dell’Ordine dei Veterinari di Padova Gabriele Russello.

Colonne d'ercole

" Classe 1971, è un giornalista, firma del quotidiano ""La Sicilia"" e corrispondente da Agrigento per ""La Repubblica"" e per l'agenzia di stampa ""Agi"". Iscritto all'Ordine dei giornalisti pubblicisti nel 1994, è diventato professionista nel 2007. Racconta per noi - controcorrente - quello che va al di là dei confini della cronaca. "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento