Liscio perfetto: il trattamento alla cheratina

Scopriamo le modalità, i prezzi, le verità e i miti da sfatare di questa tecnica

Fidarsi? Non fidarsi? Farà bene? Sarà realmente efficace? E quanto costa?
Sono questi alcuni degli interrogativi che spesso bloccano la curiosità e la voglia di sottoporsi al trattamento da parte di numerose ragazze che vorrebbero finalmente trovare una valida alternativa a piastre ed altri strumenti per lo styling.
Non è facile gestire dei capelli “ribelli”. Coloro che madre natura ha voluto graziare con una chioma disciplinata e sempre in ordine non possono capire le problematiche di chi, in situazioni di umidità, pioggia e calore, si ritrova in un attimo ad avere capelli crespi, elettrizzati e gonfi, gestibili solo mediante strumenti che utilizzano calore.

Il trattamento alla cheratina può rivelarsi quindi una vera manna dal cielo per risolvere la problematica! E’ diventato un must negli ultimi anni, ma occorre stare molto attenti ai prodotti con cui effettuarlo, in quanto in caso contrario si potrebbe rischiare di danneggiare seriamente i capelli.

Chiamato anche trattamento “alla brasiliana”, in onore del paese da cui ha avuto origine, questa tipologia di stiratura dei capelli utilizza per l’appunto la cheratina, una proteina prodotta dal nostro organismo e presente in varie parti del corpo (pelle, unghie e capelli). In questi tessuti la cheratina svolge delle funzioni fondamentali: nella pelle garantisce, assieme al collagene, l’elasticità, nei capelli favorendo la resistenza, l’impermeabilizzazione e la robustezza della loro struttura.

Usando strumenti quali phon, ferro, piastra o effettuando trattamenti aggressivi tra cui ad esempio la decolorazione, i nostri capelli si indeboliscono notevolmente perdendo parte della loro struttura proteica ed hanno quindi bisogno di reintegrare cheratina.

Il trattamento alla cheratina, che si effettua presso il salone del parrucchiere, migliora notevolmente l’aspetto e la consistenza di chiome fragili, crespe e sfibrate. Occorre però stare molto attenti e chiedere informazioni al parrucchiere in merito alla formulazione dei prodotti che utilizza. Esistono infatti due varianti del trattamento: Il trattamento alla cheratina con formaldeide e quello senza formaldeide.

La formaldeide salda le molecole del capello che si sono disgregate tra loro facendo apparire il capello lucido e liscio, ma a lungo ter­mine, essendo essa una sostanza chimica ritenuta dagli esperti anche potenzialmente cancerogena, il capello si inde­bo­li­sce, dive­nendo più secco, fra­gile e opaco. Ovviamente l’effetto lisciante sarà decisamente maggiore, ma non credo che il gioco valga la candela.

Il trattamento alla cheratina senza formaldeide, invece, non ha alcuna controindicazione in quanto le sue proprietà sono quelle della cheratina pura e naturale ed aiuta a nutrire i capelli, aumentandone la brillantezza, riducendone notevolmente l’effetto crespo e migliorandone la scorrevolezza.

Gli step solitamente sono i seguenti: si inizia lavando i capelli con uno shampoo alcalino e si procede con un’asciugatura al naturale, poi si applica il prodotto a base di cheratina con un pennello ciocca per ciocca, si effettua una prima piega con spazzola e phon e si passa della piastra lisciante, successivamente si risciacquano i capelli e si lascia in posa per un paio di minuti una maschera nutriente; si termina risciacquando per un’ultima volta ed effettuando la messa in piega.

Gli effetti di questo trattamento durano in media dai 2 ai 4 mesi, a seconda del tipo di capello, della lunghezza e della frequenza dei lavaggi.

Il prezzo varia dai 100€ ai 400€, ovviamente facendo riferimento a trattamenti effettuati con prodotti buoni e senza sostanze nocive per la salute. Si sa, la qualità si paga! Diffidate da coloro che vogliono vendervi trattamenti o prodotti a prezzi stracciati, specialmente quando si ha a che fare con referenze che possano intaccare la salute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento