Tre metodi a confronto per pulire il condotto uditivo

Avere le orecchie pulite è davvero importante, ma come farlo e sopratutto come evitare i tappi di cerume

La pulizia delle orecchie è una di quelle operazioni quotidiane ma importanti e anche molto delicate. Infatti, le pratiche scorrette possono creare danni. Ma come si puliscono, allora, le orecchie?

Se le orecchie sono sane, non hanno bisogno di grandi operazioni per la pulizia. Si mantengono pulite autonomamente, in modo naturale, grazie all’azione di piccoli peli che favoriscono il trasporto dello sporco in eccesso all’esterno dell’orecchio.

Il cerume è una sostanza naturale prodotta dalle ghiandole del canale uditivo che aiuta l’orecchio a difendersi dalle infezioni e dalle aggressioni degli agenti esterni. Dunque, nonostante sia difficile da pensarlo è una sostanza utile, che però, quando si compatta nei condotti uditivi può causare il cosiddetto tappo, causando fastidi.

La formazione del tappo di cerume può essere favorita da comportamenti scorretti, per esempio l’uso di cotton fioc o l’impiego di tappi per le orecchie durante il riposo notturno.

Solo  l’otorino o il medico di famiglia possono accertarsi dell’eccesso di cerume all’interno dell’orecchio attraverso la visita e gli strumenti adatti, verificando così lo stato di pulizia delle orecchie.

Dunque, noi come possiamo mantenere sempre pulite le nostre orecchie senza rischiare di incorrere ne in tappi di cerume ne in danni al canale uditivo?

Ecco qui tre modi casalinghi per garantire la pulizia delle orecchie.

Cotton Fioc

E’ il metodo più utilizzato per la pulizia delle orecchie, eppure sappiamo tutti che i cotton fioc possono arrecare molti danni e pochi benefici. Infatti, utilizzando i cotton fioc per la pulizia delle orecchie si rischia di spingere il cerume all’interno e di farlo diventare ancora più compatto. Inoltre, andando all’interno dell’orecchio si corre il pericolo di forare la membrana timpanica.

Quando puliamo le orecchie con il cotton fioc abbiamo la sensazione di aver fatto un buon lavoro perché vediamo che il bastoncino si sporca; sì: un po’ di cerume lo avremo forse eliminato ma sarà più quello che avremo spinto all’interno.

Quindi il consiglio è di utilizzarli il meno possibile e se proprio non possiamo farne a meno, limitiamoci a pulire solo l’orecchio esterno.

Coni di cera per la pulizia delle orecchie

I coni di cera sono coni di tela cerata che vengono accesi e, sfruttando l’effetto camino, favoriscono la fuoriuscita del cerume in eccesso. Sono lunghi circa 20 cm e hanno un’estremità più stretta e una più larga, che va accesa come si farebbe con una candela. Il calore emanato dalla combustione scioglie il cerume.

Questo metodo viene generalmente sconsigliato dagli otorini perché comporta diversi rischi; il più banale è quello di non riuscire a eliminare tutto il cerume ma si può incorrere in pericoli ancora più gravi; per esempio, c’è il rischio di bruciare la pelle e/o i capelli; inoltre, dalla punta del cono introdotta nel condotto uditivo possono staccarsi piccole braci, con il rischio di lesionare non solo la cute ma anche la membrana timpanica.

Pulizia delle orecchie con olio d’oliva

Questo è un metodo antico e figlio della tradizione e delle nostre nonne, che quando si rendevano conto di aver bisogno di una pulizia più profonda dell’orecchio, applicavano all’interno un paio di gocce di olio d’oliva tiepido. Le sostanze grasse come, per esempio, olio d’oliva e olio di mandorle dolci, svolgono un’azione emolliente e favoriscono lo scioglimento del cerume in eccesso e la sua fuoriuscita. L’impiego di olio d’oliva, o di altre sostanze con la stessa funzione, potrebbe essere utile quando è già presente un tappo, ma anche a scopo preventivo, soprattutto nelle persone particolarmente predisposte a un accumulo di cerume.

Come si puliscono, allora, le orecchie?

Se non ci sono particolari condizioni di rischio, come possono essere alcune malattie o alcuni rischi professionali, come nel caso, per esempio, dei muratori, che sono esposti a un enorme quantitativo di polvere, non bisogna fare niente di particolare, semplicemente lavarle bene sotto la doccia e asciugarle quando usciamo, acqua e sapone nella maggior parte dei casi, sono un metodo sufficiente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Tragedia a San Leone: muore un turista svizzero di 35 anni

  • Totano gigante si arena sulla spiaggia: curiosità e incredulità a Punta Grande

  • L'incidente che ha ucciso Angelo, Racalmuto è sotto choc: annullati tutti gli eventi del week end

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento