I prodotti bio, moda o necessità? Dove fare la spesa ad Agrigento

Negli ultimi anni il consumo di prodotti di natura biologica è aumentato esponenzialmente, complice un pò la tendenza del momento, ma sopratutto l’aumento di intolleranze alimentari e la necessità di mangiare sano

Gli alimenti biologici sebbene conosciuti generalmente come cibo prodotto per essere più sano (e molto spesso più costoso), tuttavia per avere tale certificazione, devono essere prodotti seguendo standard specifici e giuridicamente regolamentati ed essere sottoposti ad analisi per mantenere tale certificazione.

Ormai numerose ricerche, hanno confermato che i pesticidi possono essere nocivi soprattutto per i bambini. Questi inibitori per i parassiti possono recare danno allo sviluppo di un bambino, bloccando l’assorbimento delle sostanze nutritive degli alimenti importanti e necessari per la normale crescita e sviluppo psico-fisico.

I pesticidi come gli anticrittogramici possono provocare danni al sistema digestivo di un bambino, quando questo non sia ancora completamente sviluppato: il corpo non può rimuoverli completamente, soprattutto quando sono sottoforma di metalli pesanti. Ci sono poi “periodi critici” dello sviluppo umano, quando l’esposizione ad una tossina può alterare definitivamente il modo in cui opera il sistema biologico di un individuo.

Tuttavia questi alimenti non sono perfetti; molte persone ritengono che non siano sottoposti a regole abbastanza dure. A volte lo stesso significato di “biologico” suscita confusione. Generalmente le normative delineano semplicemente come  prodotto biologico quello che deve avere almeno il 95% dei propri ingredienti biologici, per peso o volume del liquido, esclusi l’acqua e il sale. Scopriamo meglio quindi cosa significa alimento e prodotto biologico.

Cosa si intende per cibo biologico e agricoltura biologica?

Per cibi biologici si intendono tutti quei prodotti che provengono da agricoltura biologica, ovvero un sistema di produzione che rispetta la salute dell’uomo e dell’ambiente in tutte le sue diverse fasi, escludendo il ricorso a qualsiasi prodotto chimico di sintesi e a qualsiasi organismo geneticamente modificato, al fine di conservare e migliorare le caratteristiche del suolo e rispettare le forme di vita e la biodiversità.

Nell'agricoltura biologica riciclo e recupero sono le parole d'ordine ed è bandito l'uso di pesticidi, diserbanti, anticrittogamici e insetticidi di sintesi, sostituendoli con concimi naturali quali: letame o composto organico (derivato dalla decomposizione degli alimenti). Dunque si possono dire biologici quegli alimenti che si definiscono tali perchè derivati da questi metodi naturali secondo quanto stabilito dal regolamento CEE 2092/91. 

Agricoltura biologica e agricoltura biodinamica, quali sono le differenze?

Il metodo di coltivazione biologica si differenzia da quello biodinamico in base alle tecniche di coltivazione.
Antiche tecniche quali il “sovescio” (sotterrare dopo la raccolta piante che arricchiscano il terreno) oppure utilizzare estratti di piante officinali come insetticidi vegetali sono propri dell'agricoltura biologica. Ad esempio si possono utilizzare piante come Equisetum Arvense, Ortica dioica, Valeriana e molte altre che, opportunamente macerate e spruzzate sulle colture, evitano così l'infestazione. 
Anche l'utilizzo di insetti pronubi che trasportano polline da un fiore all'altro permettendo l'impollinazione favoriscono lo sviluppo dei frutti. Sostanze di origine minerale, animale e vegetale danno così origine alla “lotta integrata” per combattere infezioni e malattie delle piante coltivate. 
Anche l'allevamento di animali con metodo biologico per avere carni di elevata qualità consiste nell'escludere l'uso di antibiotici e ormoni e prevede di alimentare gli animali con mangimi non trattati chimicamente.

Nell'industria alimentare per la preparazione di cibi preconfezionati biologici è bandito l'uso di coloranti, conservanti, additivi di sintesi e procedimenti di conservazione. Pertanto il prodotto finale dev'essere aderente alle norme di certificazione biologica.

Dove acquistare prodotti bio

Ad Agrigento sono sempre di più i luoghi dove poter acquistare prodotti biologici. Anche i supermercati e la grande distribuzione in genere si stanno attrezzando e organizzando per far fronte alle nuove esigenze di mercati, infatti sono sempre di più i supermercati dove troviamo banchi frigo e scaffali dedicati a prodotti bio. Così come molti prodotti da scaffale sono disponibili sia in erboristeria che in farmacia.

Sono sempre di più le realtà che si stanno specializzando solo in prodotti biologici e a volte a km0, come ad esempio il BioMelograno, in via Alcide De Gasperi dove oltre a poter acquistare prodotti freschi e inscatolati interamente biologici, si offre al cliente la possibilità di pranzare in loco scegliendo un menu di stagione, interamente vegetariano e cucinato espressamente. Per gli amanti del bio a km 0 ogni sabato mattina presso Villa Bonfiglio al Viale della Vittoria si svolge il Mercato Agroalimentare promosso e organizzato ogni sabato mattina da Confagricoltura. In centro città troviamo la piccola bottega  di Antichi Sapori, in via Cesare Battisti 20.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento