Statali 640 e 189, l'Anas paga 10 milioni di euro: cantieri riaperti a regime

Il comitato dei creditori: “Siamo fiduciosi per questa decisione, purchè sia solo il punto di partenza di un rapido percorso che, grazie all’impegno di tutte le competenze riunite al tavolo, porti il governo nazionale ad individuare una soluzione legislativa"

Il tavolo interistituzionale, aperto al ministero delle Infrastrutture sulla vertenza dei creditori siciliani della Cmc di Ravenna esposti per oltre 50 milioni di euro, ha sancito ufficialmente che la prossima settimana l’Anas pagherà direttamente un acconto di 10 milioni di euro ai fornitori strategici, che insieme a tutte le imprese coinvolte nella vicenda avevano acconsentito un mese fa a riaprire i cantieri lungo la Agrigento-Caltanissetta e la Palermo-Agrigento.

“Siamo fiduciosi per questa decisione, purchè – avverte il Comitato dei creditori siciliani della Cmc – sia solo il punto di partenza di un rapido percorso che, grazie all’impegno di tutte le competenze riunite al tavolo, porti il governo nazionale ad individuare una soluzione legislativa (che auspichiamo possa trovare spazio già nel decreto Sblocca-cantieri) che autorizzi la Regione, nel pieno rispetto del quadro normativo nazionale ed europeo, mediante questo strumento ad hoc, ad erogarci in conto anticipazione e risarcimento la restante somma, già individuata dalla stessa Regione, per coprire i crediti pregressi”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Questa – sottolinea ancora una volta il Comitato – è l’unica via che può portare alla conclusione dei lavori nel più breve tempo possibile, alleviando non solo le imprese, ma anche le comunità locali e i sindaci che sono molto pressati dai cittadini disagiati. Occorre consegnare alla Sicilia queste opere fondamentali per lo sviluppo dell’Isola e restituire al mercato queste oltre 100 imprese siciliane strozzate dai debiti e i loro 2.500 dipendenti. E’ una priorità nazionale evitare le conseguenze di una crisi che colpirebbe l’intera Sicilia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Coronavirus: muore commerciante di Canicattì, seconda vittima dopo l'anziana di Sambuca

  • Coronavirus, è di nuovo raffica di positivi a Ravanusa, Palma, Canicattì, Licata, Sciacca, Cianciana e Porto Empedocle

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 5 alunni positivi a Porto Empedocle e 3 a Lampedusa: salgono a 15 i contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento