Trovate siringhe e flaconi di metadone, cresce l'allarme in centro

Gli operatori ecologici, di buon mattino, hanno rimosso ogni rischio in quella che è una zona fortemente trafficata anche da famiglie con bambini piccoli

(foto ARCHIVIO)

Siringhe usate, flaconcini vuoti di metadone e blister di antibiotici e antidepressivi. Fra via Atenea, via Gioeni e Porta di Ponte sono stati fatti - secondo quanto riporta il quotidiano La Sicilia - dei rinvenimenti inquietanti. Tutta roba che viene utilizzata dai tossicodipendenti che, naturalmente, non si curano di dove lasciano quelli che potrebbero essere prodotti veramente rischiosi: le siringhe soprattutto.

Siringhe e flaconi di metadone sono stati rimossi, di buon mattino, dagli operatori ecologici durante la quotidiana raccolta dei rifiuti. E' cresciuto però l'allarme visto che si tratta di zone molto trafficate, anche dalle famiglie con bambini piccoli.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento