"Ganduscio, una vita per la pace": assegnati i riconoscimenti

Durante l'evento è stato presentato un diaporama, a cura di Totò Castelli con voce narrante di Roberto Piparo, sulla vita e le opere del pacifista riberese

Un folto e attento pubblico ha partecipato alla cerimonia di consegna dei premi "Ganduscio, una vita per la pace", promossa dell'Auser Ribera. Nel corso della manifestazione, coordinata dal giornalista Totò Castelli e tenuta nella sede sociale Auser di corso Margherita 266,  sono intervenuti la presidente Auser Ribera: Giovanna Valenti, che ha portato il saluto dell'associazione di volontariato, il presidente provinciale Auser di Agrigento Piero Mangione, i componenti della giuria: Sino Guarisco ed Enza Indelicato e i premiati per la poesia: Lorenzo Peritore di Licata, per la musica popolare Lidia Fortunato, per la letteratura Ester Rizzo e per l'impegno sociale padre Emanuele Casola. Premiato per la poesia anche Pietro Catalano che ha inviato un  messaggio impossibilitato a partecipare. Durante l'evento è stato presentato un diaporama, a cura di Totò Castelli con voce narrante di Roberto Piparo, sulla vita e le opere del pacifista riberese Ganduscio. L'evento e stato patrocinato dal Cesvop di Palermo.

Questi i riconoscimenti del “Premio nazionale di poesia “Giuseppe Ganduscio, una vita per la pace” (VIII edizione) bandito dall’“Auser Ribera”. La giuria ha assegnato il premio, unico della sezione poesia in dialetto a tema libero, al poeta licatese Lorenzo Peritore per la poesia “A fidi”. Al poeta di origini palermitane, che vive a Roma, Pietro Catalano, è andato il primo premio, unico, nella sezione poesie in lingua italiana a tema libero, per la poesia “I bambini di Aleppo”.

I riconoscimenti speciali da conferire a personalità che si sono particolarmente distinte nel campo della musica classica o popolare, della letteratura e dell’impegno sociale e per la creazione di un mondo di pace sono andati a Lidia Fortunato, cantante folk riberese (musica popolare), Ester Rizzo, autrice licatese tra l’altro del libro “Camicette bianche, oltre l’8 marzo” (letteratura), e a padre Emanuele Casola, attuale arciprete di Cianciana (impegno sociale). Il premio è  indetto per far conoscere la figura e le opere del pacifista riberese Giuseppe Ganduscio al quale si devono tra l'altro alcuni brani musicali portati al successo dalla “cantatrice del Sud”, la mitica Rosa Balistreri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

  • "Sono caduta dalle scale": ferite non compatibili col racconto, avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento