Proverbi agrigentini: ecco i più celebri

Il siciliano è un dialetto che celebra la tradizione e suoi proverbi sono la sintesi perfetta tra dialetto, saggezza popolare e tradizione. Ecco alcuni dei nostri detti

La Sicilia, oltre ad essere una terra ricca di paesaggi mozzafiato è famosa anche per la sua particolare cultura popolare, così come per i suoi proverbi, frutto di millenni di storia e battaglie. Su questa terra si sono infatti alternate popolazioni di origine fenicie, greche, arabe, romane, bizantine, barbare e normanne. Ognuna di queste ha contribuito alla cultura e alle tradizioni degli abitanti di quest’isola.

Il siciliano non è un semplice dialetto che deriva dall’italiano, ma piuttosto un idioma le cui origini provengono direttamente dal latino volgare, come riconosciuto dall’Unesco.

Ogni provincia ha la sua inflessione dialettale e con essa i propri proverbi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco i 5 più conosciuti nell’agrigentino:

  • "Cu mancia fa muddichi" Chi mangia fa briciole. E' la frase che si utilizza per specificare che inevitabilmente se si fa e si lavora si devono lasciare le tracce.
  • "Cu' nesci, arrinesci" - Chi va fuori, riesce. E' il proverbio che tutti i nonni e gli anziani utilizzano per i giovani e per spiegare in 3 parole la famosa "fuga di cervelli".
  • "E ci batti cu lu pupu! E’ San Calò e nun’è pupu!" - Ancora insisti con questo dannato pupazzo! E’ San Calogero e non è un pupazzo. Certo, nei proverbi dialettali non può mancare anche un riferimento al nostro Santo nero, tanto amato dagli agrigentini e il rispetto verso questa figura, quindi per la traduzione e traslazione proverbiale è semplice capire che non si insiste nelle cose, perchè San Calò non è un "pupo" ma il Santo!
  • "Chiù scuru di mezzanotti ‘un pò fari" - Più buio di mezzanotte non può fare. La classica espressione che sancisce che peggio di così...non può andare!
  • "Ci dissi lu surci a la nuci, dammi tempu ca ti perciu…" - Disse il topo alla noce “dammi tempo che riusciro a bucarti”. La sacrosanta verità, persistere e non mollare porta sempre ad un risultato finale!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Covid-19, altri due casi in provincia: chiuso ristorante e richiamati tutti i clienti

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • Coronavirus, ancora positivi in provincia: a Ravanusa i casi salgono a sette

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Il Covid non molla la sua presa: due nuovi casi a Favara, uno a San Biagio e Grotte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento