menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Maria Grazia Brandara

Il sindaco Maria Grazia Brandara

"No alla sperimentazione della nuova tecnologia G5", Brandara scrive all'Autorithy e al ministero

Il sindaco di Naro: "Decisione presa in attesa che siano prodotte sufficienti evidenze scientifiche che stabiliscano l'innocuità di tale tecnologia in relazione alla salute umana o, comunque, nelle more che il Governo vari un piano di monitoraggio dei possibili effetti sanitari"

No alla sperimentazione - sul Comune di Naro - della nuova tecnologia G5. Lo ha stabilito, in vista dell'aumento dei Comuni dove avverrà la sperimentazione, il sindaco Maria Grazia Brandara che ha scritto sia all’Autorithy sia al ministero (oltre che all’Arpa-Sicilia, alla Prefettura/Utg di Agrigento e all’assessorato regionale dell’Energia e dei Servizi di pubblica utilità) per conoscere se ci sono progetti per introdurre nel territorio del Comune di Naro le infrastrutture e gli impianti intesi a consentire l’avvio delle tecnologie 5G.

Brandara ha anche emesso un’apposita determinazione per impedire sperimentazioni della tecnologia del 5G nel territorio di Naro. "Il tutto in attesa che siano prodotte sufficienti evidenze scientifiche che stabiliscano l'innocuità di tale tecnologia in relazione alla salute umana o, comunque, nelle more che il Governo vari un piano di monitoraggio dei possibili effetti sanitari, coinvolgendo attivamente tutti gli enti pubblici preposti al controllo ambientale e sanitario" - ha spiegato il sindaco di Naro - . Con la stessa determinazione, Maria Grazia Brandara ha devoluto all’ufficio tecnico comunale e, per quanto di competenza, alla polizia amministrativa il compito di adottare ogni opportuno atto ed intervento per minimizzare il rischio sanitario eventualmente discendente  dalla tecnologia 5G a discapito della salute della popolazione locale.

"Ho temporaneamente vietato la sperimentazione delle tecnologie 5G nel territorio comunale sulla base dei poteri che mi conferisce la legge regionale n. 7/1992 e l’art. 3-ter del decreto legislativo n.152/2006. Quest’ultimo assegna ai Comuni il compito di tutelare l’ambiente con azioni ispirate al principio della precauzione e, quindi, dell'azione preventiva, della correzione, in via prioritaria alla fonte, dei danni causati all'ambiente - ha dichiarato - . Quale sindaco ho il dovere di garantire lo sviluppo e il progresso delle tecnologie, ma anche quello di garantire la salute della popolazione. Qualora le evidenze scientifiche diventerebbero tali da assicurare l’innocuità della tecnologia 5G nei confronti della salute della locale popolazione, io toglierò il divieto”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento