Montevago, la vecchia Chiesa Madre candidata a “I Luoghi del Cuore”

La cattedrale fu costruita sul luogo dove sorgeva un tempo il Santissimo Crocifisso

Una foto storica della chiesa madre di Montevago

La vecchia Chiesa Madre di Montevago, che si trova tra i ruderi del terremoto del ’68, candidata a “I Luoghi del Cuore”, la campagna nazionale per i luoghi italiani da non dimenticare promossa dal FAI in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Lo fa sapere in una nota il sindaco Margherita La Rocca Ruvolo.

“E’ con grande entusiasmo – dice il primo cittadino – che abbiamo aderito alla campagna del FAI con l’obiettivo di valorizzare e far conoscere in tutta Italia i nostri luoghi del cuore e della memoria. In questi anni ci siamo impegnati per rendere vivo il vecchio centro distrutto dal sisma organizzando proprio qui diversi eventi culturali ed enogastronomici. La vecchia Chiesa Madre è il simbolo del nostro paese ed è stato già finanziato un progetto di restauro che ci consentirà di renderla fruibile al pubblico a fini turistici”. Questo il link per votare il sito sul sito del FAI https://www.fondoambiente.it/luoghi/chiesa-madre-di-montevago-vecchia?ldc

“I Luoghi del Cuore” è un importante progetto di sensibilizzazione sul valore del patrimonio artistico, naturalistico e paesaggistico italiano che permette ai cittadini di segnalare al Fondo Ambiente Italiano attraverso un censimento biennale i luoghi che meritano tutela e valorizzazione. Durante il censimento, si contribuire a salvare questi luoghi votandoli e facendoli votare. I vincitori riceveranno un contributo economico a fronte di un progetto concreto.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La cattedrale di Montevago fu costruita sul luogo dove sorgeva un tempo la chiesa del Santissimo Crocifisso. E’ dedicata agli Apostoli Pietro e Paolo e fu iniziata a cavallo tra il XVIII e il XIX secolo dal principe Giovanni Gravina Moncada. Portata a termine dal cardinale Pietro Gravina, fu consacrata nel 1820.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Il Covid non molla la sua presa: due nuovi casi a Favara, uno a San Biagio e Grotte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento