Abbandono di rifiuti, il Libero consorzio vara regolamento per l'uso delle telecamere

"Lo strumento normativo - spiega una nota dell'ex Provincia - servirà a regolamentare l'istallazione e l'utilizzo di impianti di video-sorveglianza mobile"

Il Libero consorzio comunale si dota di un nuovo regolamento per contrastare l'abbandono e il deposito incontrollato dei rifiuti nel territorio provinciale di competenza dell’ente. "Lo strumento normativo - spiega una nota dell'ex Provincia - servirà a regolamentare l'istallazione e l'utilizzo di impianti di video-sorveglianza mobile, le cosiddette foto-trappole, tenendo in debito conto della normativa in materia di trattamento dei dati personali".

Il Libero consorzio per controllare l'abbandono e il corretto smaltimento di rifiuti nel territorio si avvarrà, quindi, di un sistema di video-sorveglianza mobile realizzato mediante l'utilizzazione di telecamere collocate in prossimità dei siti maggiormente a rischio nelle aree e strade provinciali. 

"Il sistema di video-sorveglianza - aggiunge la nota - ha come scopo la prevenzione, l'accertamento e la repressione degli illeciti derivanti dall'utilizzo abusivo delle aree impiegate come discarica di materiale e di sostanze pericolose nonché il rispetto della normativa concernente lo smaltimento di qualunque genere di rifiuti. L'impianto può prevedere la visione in diretta delle immagini rilevate dalle telecamere. Le immagini sono registrate per un eventuale successivo utilizzo per le sole finalità anzidette. L'accesso al videoregistratore è consentito al responsabile del trattamento dei dati e agli incaricati". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Col passato ho chiuso e studio per diplomarmi", ex braccio destro del boss chiede di tornare libero

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento