Venerdì, 30 Luglio 2021
Attualità

Energia, mobilità, riuso dei rifiuti, edilizia: firmato documento Anci, il Comune batte cassa

Firetto: "Occorre più forza per sostenere il processo di ripresa che noi sindaci chiamiamo 'Rinascimento Italiano', un processo che parte proprio dai Comuni, tutti, non solo le grandi città metropolitane già dotate di  infrastrutture e proiettate più avanti nel futuro"

Il sindaco Lillo Firetto

Efficientamento energetico, energia verde, mobilità sostenibile, recupero e riuso dei rifiuti, reti digitali, piano scuola, edilizia abitativa per contrastare le povertà, recupero delle periferie, beni culturali e ambientali. Sono questi i punti cardine di un documento dell'Anci (l'associazione nazionale dei Comuni italiani) che è stato sottoscritto anche dal sindaco di Agrigento, Lillo Firetto. Documento con il quale vengono chiesti, al Governo, 20 dei 200 miliardi del "Recovery fund". 

"Ai Comuni servono fondi per scuole, trasporti, infrastrutture. Ho sottoscritto il documento di Anci denominato 'Città-Italia' con cui i sindaci chiedono al Governo nazionale 20 dei 200 miliardi del Recovery Fund: il piano straordinario Europeo per far ripartire l'Italia - ha spiegato il sindaco Lillo Firetto - . Tra i punti  più importanti sottolineati dal documento: efficientamento energetico, ed energia verde, mobilità sostenibile, recupero e riuso dei rifiuti, reti digitali, piano scuola, edilizia abitativa per contrastare le povertà, recupero delle periferie, beni culturali e ambientali, una scuola per la formazione di una classe dirigente per la pubblica amministrazione. Non un libro dei sogni, ma azioni che anche un piccolo Comune come Agrigento ha in gran parte portato avanti pur senza fondi".

"Occorre più forza per sostenere il processo di ripresa che noi sindaci chiamiamo 'Rinascimento Italiano', un processo che parte proprio dai Comuni, tutti, non solo le grandi città metropolitane già dotate di  infrastrutture e proiettate più avanti nel futuro. Occorre più forza per Agrigento che lotta ancora per il completamento di infrastrutture minime  come  la Agrigento-Palermo e la Agrigento-Caltanissetta o per una linea ferroviaria degna di questo nome. Non si può pensare di far ripartire l'Italia tagliando fuori una significativa parte del Paese, che attende da sempre di poter stare al passo con l'Europa. Occorre che il Governo pensi al futuro di questa nostra terra, già duramente provata, che vuol divenire motore assieme al resto del Paese da ora ai prossimi 50 anni. I giovani siano in condizione di investire nel loro futuro, anche cambiando strategicamente progetto di vita, adattandolo a una realtà in continuo mutamento.  Le città come Agrigento sono il motore del cambiamento".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Energia, mobilità, riuso dei rifiuti, edilizia: firmato documento Anci, il Comune batte cassa

AgrigentoNotizie è in caricamento